Conte: vicini a giornalisti sotto minaccia e disponibili a sintesi su querele bavaglio. Inpgi: auspichiamo allargamento platea contributiva

Condividi

“Il sottosegretario Martella ha riattivato l’osservatorio sull’equo compenso, è una questione molto complicata perché purtroppo -complice lo scenario macroeconomico- si sta diffondendo sempre di più il precariato”. Lo ha detto il premier Giuseppe Conte nella conferenza stampa di fine anno.
[videojs youtube=”https://www.youtube.com/watch?v=M2JuG03s4Yk&feature=emb_logo”]
“Questo si ricollega alle difficoltà finanziarie dell’Inpgi e quello che possiamo auspicare è che si allarghi la platea contributiva anche ai comunicatori, per trovare in prospettiva un equilibrio finanziario tale che l’Inpgi possa camminare con le proprie gambe”.
“Su iniziativa del ministro Lamorgese e del sottosegretario Martella è stato riattivato l’osservatorio sui cronisti minacciati, è una questione che seguiamo con attenzione. Dobbiamo far sentire la solidarietà delle istituzioni a chi svolge la professione giornalistica sotto minaccia”.  Ha detto ancora  il premier.  “Il tema delle querele bavaglio è all’ordine del giorno del Parlamento, ci sono varie iniziative ed è giusto che si trovi la formula di sintesi per portarle avanti il governo è disposto a dare il suo contributo”.
“Tutti i progetti dovranno avere l’impatto sul benessere equo e sostenibile, al di là della crescita economica guardiamo alla qualità di vita dei cittadini”. Ha affermato Conte.