Conte: vicini a giornalisti sotto minaccia e disponibili a sintesi su querele bavaglio. Inpgi: auspichiamo allargamento platea contributiva

“Il sottosegretario Martella ha riattivato l’osservatorio sull’equo compenso, è una questione molto complicata perché purtroppo -complice lo scenario macroeconomico- si sta diffondendo sempre di più il precariato”. Lo ha detto il premier Giuseppe Conte nella conferenza stampa di fine anno.

“Questo si ricollega alle difficoltà finanziarie dell’Inpgi e quello che possiamo auspicare è che si allarghi la platea contributiva anche ai comunicatori, per trovare in prospettiva un equilibrio finanziario tale che l’Inpgi possa camminare con le proprie gambe”.

“Su iniziativa del ministro Lamorgese e del sottosegretario Martella è stato riattivato l’osservatorio sui cronisti minacciati, è una questione che seguiamo con attenzione. Dobbiamo far sentire la solidarietà delle istituzioni a chi svolge la professione giornalistica sotto minaccia”.  Ha detto ancora  il premier.  “Il tema delle querele bavaglio è all’ordine del giorno del Parlamento, ci sono varie iniziative ed è giusto che si trovi la formula di sintesi per portarle avanti il governo è disposto a dare il suo contributo”.

“Tutti i progetti dovranno avere l’impatto sul benessere equo e sostenibile, al di là della crescita economica guardiamo alla qualità di vita dei cittadini”. Ha affermato Conte.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Insulti sui social? Può scattare la diffamazione aggravata e si rischia fino a 3 anni di carcere

Insulti sui social? Può scattare la diffamazione aggravata e si rischia fino a 3 anni di carcere

<strong> Venerdì 15 e Sabato 16 gennaio </strong> Mannoia e De Filippi siglano il pari tra Rai e Mediaset

Venerdì 15 e Sabato 16 gennaio Mannoia e De Filippi siglano il pari tra Rai e Mediaset

TOP 100 INFORMAZIONE ONLINE di Audiweb. A novembre Corriere della Sera ancora primo davanti a Repubblica. Terzo è il Fatto Quotidiano

TOP 100 INFORMAZIONE ONLINE di Audiweb. A novembre Corriere della Sera ancora primo davanti a Repubblica. Terzo è il Fatto Quotidiano