Lvmh, completata l’acquisizione di Tiffany. Anthony Ledru nuovo ceo, Alexandre Arnault è executive vice president, product and communications

Lvmh ha completato l’acquisizione di Tiffany. Il gruppo francese del lusso lo comunica divulgando una nota. L’operazione, ha dichiarato il colosso di Bernard Arnault, trasformerà profondamente la divisione watches & jewelry. 

In concomitanza con la chiusura dell’operazione, scrive Mff, Lvmh ha anche annunciato i nuovi incarichi di leadership all’interno del gioielliere americano. Anthony Ledru, già vice presidente esecutivo, global commercial activities di Louis Vuitton e vice presidente senior per il Nord America di Tiffany, diventa amministratore delegato con effetto immediato.

(Foto ANSA/JUSTIN LANE)

Alexandre Arnault, precedentemente ad della società di valigeria di Rimowa, diventa executive vice president, product and communications di Tiffany. Michael Burke, presidente e amministratore delegato di Louis Vuitton, diventerà presidente del consiglio di amministrazione di Tiffany. 

Alessandro Bogliolo, attuale amministratore delegato di Tiffany, ha accettato di rimanere in azienda per facilitare la transizione fino al 22 gennaio 2021, dopodiché lascerà la società. Reed Krakoff, direttore artistico capo, e Daniella Vitale, vice presidente esecutivo e chief brand officer di Tiffany, lasceranno il board dopo una breve transizione di responsabilità. 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

I nuovi dati Ads sulla diffusione della stampa. Vendite e abbonamenti carta e digitali di quotidiani e settimanali a marzo, dei mensili a febbraio

I nuovi dati Ads sulla diffusione della stampa. Vendite e abbonamenti carta e digitali di quotidiani e settimanali a marzo, dei mensili a febbraio

TOP 15 GIORNALISTI più attivi sui social in aprile. Scanzi domina come sempre la classifica, seguito da Tosa e Porro

TOP 15 GIORNALISTI più attivi sui social in aprile. Scanzi domina come sempre la classifica, seguito da Tosa e Porro

Investimenti pubblicitari a marzo, +30,7%. Primo trimestre +3,4% ma senza digital è -1,4%. Nielsen: mancano 125 milioni al pre-Pandemia

Investimenti pubblicitari a marzo, +30,7%. Primo trimestre +3,4% ma senza digital è -1,4%. Nielsen: mancano 125 milioni al pre-Pandemia