Allianz comincia la partnership partnership mondiale olimpica e paralimpica con Cio e Cpi. In Italia col Coni fino al 2028 

Ha preso ufficialmente il via il 1° gennaio la partnership mondiale che durerà otto anni di Allianz con il Comitato Internazionale Olimpico (Cio) e il Comitato Paralimpico Internazionale (Cpi), facendo leva sulla collaborazione già in essere con il Movimento Paralimpico sin dal 2006. All’interno della partnership, annunciata nel settembre 2018, Allianz ha coinvolto fan, atleti, squadre e dipendenti in iniziative nell’ambito della salute in quattro mercati pilota – Australia, Cina, Francia e Spagna. Tra le altre attività Allianz offrirà a consumatori e dipendenti la possibilità di prendere parte alla staffetta della torcia olimpica per Pechino 2022.

“Con l’inizio di questo nuovo anno olimpico, siamo entusiasti di dare avvio finalmente alla nostra collaborazione globale con Allianz”, ha dichiarato il presidente del Cio Thomas Bach. “Allianz è orgogliosa di essere il Worldwide Insurance Partner dei Movimenti Olimpico e Paralimpico”, ha affermato Oliver Bäte, chief executive officer di Allianz SE.

Come ricorda Ansa, in Italia, Allianz è divenuta inoltre fino al 2028 Partner del Coni e dell’Italia Team. “Stiamo lavorando da tempo per cogliere le grandi opportunità che la partnership stretta da Allianz con Cio e Cpi ci offrirà nell’arco dei prossimi otto anni”, ha commentato Giacomo Campora, Amministratore Delegato di Allianz S.p.A.. “Siamo inoltre onorati di essere partner del Coni e della Squadra Olimpica Italiana così come siamo già da ora al fianco della Fondazione Milano Cortina 2026”.

Giacomo Campora

Giacomo Campora

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Endemol Shine Italy cede le quote di maggioranza in Yam112003 ai manager Corbetta (ceo), Bianchi, Pianca e Tousco

Endemol Shine Italy cede le quote di maggioranza in Yam112003 ai manager Corbetta (ceo), Bianchi, Pianca e Tousco

Chiesa sempre più social: una parrocchia su due ha Facebook; WhatsApp e Telegram i più gettonati per parlare ai fedeli

Chiesa sempre più social: una parrocchia su due ha Facebook; WhatsApp e Telegram i più gettonati per parlare ai fedeli

Nessuna censura per Osho, Facebook riattiva la pagina satirica. Federico Palmaroli: equivoco sul soprannome

Nessuna censura per Osho, Facebook riattiva la pagina satirica. Federico Palmaroli: equivoco sul soprannome