FattoreMamma-Media sceglie DataLit.AI per customer intelligence e monetizzazione

Il network di siti e app FattoreMamma-Media, che aggrega e sviluppa canali innovativi di relazione con le mamme, con un particolare focus sulla gravidanza e la prima infanzia, ha scelto DataLit.AI, il framework tecnologico basato su Intelligenza Artificiale del gruppo Datrix, specializzato in Augmented Analytics.

FattoreMamma Logo

Gli obiettivi sono: incrementare e ottimizzare la raccolta e l’analisi dei dati di prima parte relativi agli utenti registrati sulle proprietà digitali del network (data governance); integrare i first-party data digitali con il CRM in un data lake appositamente sviluppato (data integration); applicare modelli di machine learning di profilazione predittiva agli utenti non registrati per trasformarli, al pari degli utenti registrati, in audience pubblicitarie (data modeling); massimizzare i ricavi da programmatic advertising (data activation & monetization).

Le attività sono una chiara dimostrazione dell’innovazione e della lungimiranza di FattoreMamma-Media, a partire dai first-party data, la cui raccolta sta assumendo un’importanza strategica alla luce delle recenti iniziative cookie-less. I first party data sono i dati proprietari, raccolti ed estraibili cioè dall’azienda attraverso i canali di sua proprietà, digitali e non. Sono molto più rispettosi della privacy del cliente, perché basati su un rapporto di fiducia reciproca, e non contrastano affatto, anzi, con le possibilità di personalizzazione del marketing che si possono attivare. Dati però che possono esprimere il massimo della loro potenzialità solo se correttamente analizzati e integrati. I clienti percorrono infatti strade diverse online e offline: cercano informazioni e prodotti attraverso il computer di casa o di ufficio, con il cellulare o parlando con gli smart speaker o chiamando i servizi clienti o recandosi nei punti vendita o interagendo con un chatbot, e così via. Occorre raccogliere minuziosamente tutte le tracce e interazioni, rispettando sempre la privacy. Solo così si potrà avere una visione unificata del consumatore, del suo customer journey e della sua esperienza. Per estrarre valore dai dati e trasformarli in insight e azioni l’intelligenza umana deve necessariamente essere supportata da tecnologie di intelligenza artificiale capaci di verificare una simile mole di dati e tutte le variabili di correlazione fra di essi.

La soluzione DataLit.AI raccoglie e analizza minuziosamente i dati di prima parte socio-demografici (molto analiticamente, ad esempio fino al CAP) e relativi ai comportamenti e agli interessi dei lettori, può arrivare a predire la loro propensione all’acquisto e conseguentemente profila granularmente l’inventory. E’ facile comprendere come tale attività venga svolta nell’interesse degli inserzionisti interessati a raggiungere audience non convenzionali per ottenere migliori tassi di conversione e quindi migliori ritorni sui loro investimenti pubblicitari.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Armando Testa diventa hub europeo di Mediamarkt e porta in campagna Mediaworld

Armando Testa diventa hub europeo di Mediamarkt e porta in campagna Mediaworld

Clear Channel Italia vince la gara per la gestione degli spazi pubblicitari delle pensiline di Roma

Clear Channel Italia vince la gara per la gestione degli spazi pubblicitari delle pensiline di Roma

Federica Masolin protagonista della nuova campagna Sky “Primafila Day”, programma fedeltà con vantaggi riservati ai clienti

Federica Masolin protagonista della nuova campagna Sky “Primafila Day”, programma fedeltà con vantaggi riservati ai clienti