WhatsApp cambia politiche sulla privacy (ma non in Europa) e anche per Telegram è boom: +25 milioni di nuovi utenti

Impennata dell’app di messaggistica Telegram dopo la notizia della modifica di WhatsApp ai suoi termini sulla privacy a partire dall’8 febbraio, che non interesserà però l’Italia e l’Europa dove vige dal 2018 il Gdpr, il regolamento europeo sulla protezione dei dati personali. Telegram ha registrato 25 milioni di nuovi utenti nelle ultime 72 ore, come ha dichiarato il suo fondatore, nato in Russia, Pavel Durov. L’app aveva oltre 500 milioni di utenti attivi mensilmente nelle prime settimane di gennaio – WhatsApp ne ha due miliardi – e “25 milioni di nuovi utenti si sono iscritti a Telegram solo nelle ultime 72 ore. – ha specificato Durov – Le persone non vogliono più scambiare la loro privacy con servizi gratuiti”.

Per il fondatore di Telegram, l’app è diventato il “più grande rifugio” per chi cerca una piattaforma di comunicazione privata e sicura e ha assicurato ai nuovi utenti che il suo team “prende molto sul serio questa responsabilità”. Un’altra chat che ha registrato una impennata di download nei negozi digitali dopo le critiche a WhatsApp è Signal, raccomandata anche da Elon Musk, attualmente l’uomo più ricco del mondo e patron di Tesla e Space X.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Endemol Shine Italy cede le quote di maggioranza in Yam112003 ai manager Corbetta (ceo), Bianchi, Pianca e Tousco

Endemol Shine Italy cede le quote di maggioranza in Yam112003 ai manager Corbetta (ceo), Bianchi, Pianca e Tousco

Chiesa sempre più social: una parrocchia su due ha Facebook; WhatsApp e Telegram i più gettonati per parlare ai fedeli

Chiesa sempre più social: una parrocchia su due ha Facebook; WhatsApp e Telegram i più gettonati per parlare ai fedeli

Nessuna censura per Osho, Facebook riattiva la pagina satirica. Federico Palmaroli: equivoco sul soprannome

Nessuna censura per Osho, Facebook riattiva la pagina satirica. Federico Palmaroli: equivoco sul soprannome