Il gruppo Ebner chiude ‘Trentino’. Resta attiva la testata online Giornaletrentino.it

Cessa le pubblicazioni il quotidiano Trentino (direttore Paolo Mantovan, 18 giornalisti), testata della provincia autonoma nato nel 1946 come edizione dell’Alto Adige e testata a se stante dal 2002,

passato nel novembre 2016 dal gruppo Gedi al gruppo sudtirolese Ebner e tuttora realizzato in sinergia con il quotidiano di Bolzano. L’ultimo numero sarà quello in edicola domani sabato 16 gennaio 2021, a quanto si apprende al momento resterà invece attiva la versione digitale della testata www.giornaletrentino.it.

La decisione, che al momento della compravendita era stata recisamente esclusa, è stata presa dall’editore per “effetto della grave crisi in cui versa il comparto editoriale, in particolare quello della carta stampata, aggravata dal perdurare della pandemia Covid19 che non accenna a scemare”. Lo stesso editore parla di scelta “pensata a lungo e molto sofferta” ed numera gli interventi realizzati in questi anni, dall’apertura delle sedi periferiche di Rovereto e riva del Garda, alle sinergie interne al gruppo per contenere i costi di produzione. Fra le cause della decisione citata anche la “contestazione politica a livello regionale e nazionale, sulla concentrazione regionale delle due testate l’Adige (acquistata dal gruppo Ebner nel luglio 2018: ndr)) e Trentino in capo ad un solo editore”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

CHI FA CHE COSA per reagire alla crisi sociale da Covid-19

CHI FA CHE COSA per reagire alla crisi sociale da Covid-19

Editori Ue vs Google: non vendere pubblicità basata su tracciamento utenti sconvolgerà business della stampa e favorirà monopolio dati

Editori Ue vs Google: non vendere pubblicità basata su tracciamento utenti sconvolgerà business della stampa e favorirà monopolio dati

Sanremo 3° serata: giù anche i duetti. Festival fighetto? Ama e Fiore resistono sul pubblico abbiente. Classe mediobassa in fuga

Sanremo 3° serata: giù anche i duetti. Festival fighetto? Ama e Fiore resistono sul pubblico abbiente. Classe mediobassa in fuga