Gli Usa bocciano il progetto di legge australiano sulle news a pagamento per i Big tech. La proposta: Codice di condotta volontario

L’amministrazione Usa ha sollecitato il governo australiano ad abbandonare i piani per obbligare Google e Facebook a pagare i media tradizionali del Paese quando le loro piattaforme ospitano i loro contenuti, pena multe fino a 10 milioni di dollari.

La misura è contenuta in un disegno di legge attualmente all’esame di una commissione del Senato.

I rappresenti commerciali Usa per i servizi e gli investimenti, Daniel Bahar, e per il Sudest Asia e il Pacifico, Karl Ehlers, ritengono che il testo della proposta sia “confuso” e potrebbe violare l’accordo di libero scambio Australia-Usa.

In una lettera i due esortano l’Australia a sviluppare un codice di condotta volontario e a considerare la nomina di un mediatore per stabilire una remunerazione che permetta piena aderenza all’accordo di libero scambio tra i due Paesi.

La misura, che non avrebbe precedenti a livello mondiale, è stata presentata in Parlamento il mese scorso e la commissione del Senato terrà la prima udienza venerdì prossimo alla presenza di dirigenti di Google e di Facebook.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Forte preoccupazione in Sky per l’accordo Tim-Dazn. Ibarra scrive alla Lega Serie A: verificare criticità concorrenziali e di compatibilità

Forte preoccupazione in Sky per l’accordo Tim-Dazn. Ibarra scrive alla Lega Serie A: verificare criticità concorrenziali e di compatibilità

Ecco la bozza delle disposizioni di legge sulla ‘transizione digitale’ e ruolo e poteri in mano al ministero affidato a Colao

Ecco la bozza delle disposizioni di legge sulla ‘transizione digitale’ e ruolo e poteri in mano al ministero affidato a Colao

Forza Italia presidia il dipartimento Informazione. Con  il liberale Giuseppe Moles gran esperto della Difesa

Forza Italia presidia il dipartimento Informazione. Con il liberale Giuseppe Moles gran esperto della Difesa