OIES presenta il ‘Manifesto Legale Esports’, documento con proposte di regolamentazione e analisi del gaming competitivo

Quali sono le principali criticità normative del settore Esports in Italia? E come si potrebbero risolvere? Sono queste le risposte contenute nel “Manifesto Legale Esports”, il primo documento di stampo legale che racconta alcune delle difficoltà regolamentali che frenano lo sviluppo del settore. Il Manifesto, promosso dall’Osservatorio Italiano Esports e dai legal partner iscritti al suo network, è il primo tentativo di portare all’attenzione degli stakeholder istituzionali e non i punti da normare per uno sviluppo armonioso del settore.

Enrico Gelfi e Luigi Caputo

I temi trattati all’interno del Manifesto, riporta un comunicato, sono scaturiti dal primo Esports Legal Forum organizzato dall’OIES, e sono i principali punti critici che stanno frenando la crescita del settore, soprattutto a livello di business. Si va dal riconoscimento degli Esports come disciplina sportiva, alla pubblicità in-game, dalle questioni legate al betting, alla proprietà intellettuale e gli aspetti contrattuali dei player.

Il Manifesto Legale Esports è il primo manuale legale che rappresenta una bussola per chi vuole conoscere e capire come orientarsi nell’attuale mercato italiano. È un lavoro redatto in logica propositiva e aperta: ogni questione analizzata contiene anche una proposta per risolvere le problematiche poste all’attenzione.

Alla redazione del Manifesto Legale Esports hanno partecipato i legal partners iscritti al network dell’OIES, nello specifico (e in ordine alfabetico per studio legale): Giulio Coraggio, Partner- Head of Technology and Gaming Sector di DLA Piper, Marco Galli, Senior associate e coordinatore practice Esports dello studio legale Gattai, Minoli, Agostinelli & Partners, Luca Giacobbe, Partner dello Studio Legale Giacobbe Tariciotti & associati, Manuela Magistro, of Counsel dipartimento di diritto sportivo dello Studio Legale Lexant, Luca Pardo, Founding Partner Ontier Italia, Carlo Rombolà, Founder Studio Legale Rombolà & Associati.

Grazie a questo lavoro, l’Osservatorio Italiano Esports conferma il suo ruolo di leader sugli aspetti di monitoraggio e di aggregatore dei principali studi legali che si stanno posizionando in questo settore.

“Gli aspetti normativi diventeranno sempre più centrali nello sviluppo del settore Esports in Italia – commentano Luigi Caputo ed Enrico Gelfi, co-fondatori dell’OIES – Senza un intervento su norme e regolamenti, ci sarà sempre un freno alla crescita del settore e al coinvolgimento di brand. Il “Manifesto Legale Esports” è un lavoro aperto e propositivo, che attraverso la condivisione delle competenze cerca di portare all’attenzione del pubblico i principali punti su cui intervenire, con idee e proposte. Questo approccio è il tratto distintivo dell’OIES, che continua ad attrarre le migliori energie positive che vogliono contribuire alla crescita degli Esports in Italia”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

La rivoluzione delle qualifiche per la Champions League 2024. Da 32 a 36 squadre ne gioverebbe anche la presenza in tv

La rivoluzione delle qualifiche per la Champions League 2024. Da 32 a 36 squadre ne gioverebbe anche la presenza in tv

Ritorna in scena il calcio femminile: la Nazionale delle donne batte Israele 12-0 e si qualifica per gli Europei del 2022

Ritorna in scena il calcio femminile: la Nazionale delle donne batte Israele 12-0 e si qualifica per gli Europei del 2022

Da Torino a Milano, il Giro d’Italia svela le tappe dell’edizione 2021. Cairo: Spero prosegua a lungo il rapporto tra Rcs, Giro e Rai

Da Torino a Milano, il Giro d’Italia svela le tappe dell’edizione 2021. Cairo: Spero prosegua a lungo il rapporto tra Rcs, Giro e Rai