USA, Facebook fornisce all’Fbi i dati degli utenti che hanno assaltato Capitol Hill. Sul ban di Trump deciderà un organismo indipendente

Facebook sta fornendo all’Fbi i dati degli utenti che hanno preso parte all’assalto a Capitol Hill, compresi i loro messaggi privati, dopo l’appello di alcuni parlamentari. Lo riporta il sito di Forbes che riferisce di una denuncia contro un residente a New York che aveva postato sul social sue immagini dell’assalto, che rivela come l’Fbi abbia cercato tra i suoi messaggi privati, il suo indirizzo IP, il numero di telefono e l’indirizzo Gmail.

Mark Zuckerberg (Foto Ansa – EPA/MICHAEL REYNOLDS)

Dopo l’attacco del 6 gennaio, riporta Ansa, la numero 2 di Facebook Sheryl Sandberg aveva dichiarato che le proteste erano in gran parte organizzate su social media minori; successivamente era stata criticata per le prove che numerosi gruppi e account Facebook, pubblici e privati, erano stati utilizzati per organizzare la protesta.

L’individuazione e il divieto delle piattaforma tecnologiche ai rivoltosi del Campidoglio ha aperto un grande dibattito, negli Stati Uniti e in tutto il mondo, sul potere delle grandi aziende tech.

Riguardo il bando del profilo di Trump a tempo indeterminato, Facebook ha affidato l’esame della questione all’Oversight Board, un organismo di vigilanza indipendente sui contenuti della piattaforma. Il verdetto, vincolante per il social, ci sarà nelle prossime settimane.
Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

TOP 100 INFORMAZIONE ONLINE (Comscore). A maggio vince lo sport sul digitale, preludio a un’estate ricca di eventi. Citynews sempre in vetta 

TOP 100 INFORMAZIONE ONLINE (Comscore). A maggio vince lo sport sul digitale, preludio a un’estate ricca di eventi. Citynews sempre in vetta 

Apre a Cagliari la prima biblioteca italiana in un aeroporto, con l’aiuto di molte case editrici: 1.600 volumi a disposizione dei passeggeri

Apre a Cagliari la prima biblioteca italiana in un aeroporto, con l’aiuto di molte case editrici: 1.600 volumi a disposizione dei passeggeri

Garante Privacy: per proteggere nostri dati in arrivo due regolamenti Ue; serve trasparenza negli algoritmi di intelligenza artificiale

Garante Privacy: per proteggere nostri dati in arrivo due regolamenti Ue; serve trasparenza negli algoritmi di intelligenza artificiale