Nasce Noovle, controllata Tim dedicata allo sviluppo del cloud in Italia, guidata da Mariarosaria Taddeo (presidente) e Carlo D’Asaro Biondo (ad)

TIM annuncia oggi la nascita di Noovle SpA, la nuova società interamente controllata dal Gruppo TIM, che si propone sul mercato come centro di eccellenza italiano per il Cloud e l’edge computing, con l’obiettivo di potenziare l’offerta di servizi innovativi TIM di public, private e hybrid cloud alle imprese – dalle Pmi alla grande industria – e alla Pubblica Amministrazione, accelerando la trasformazione digitale del Paese.

Mariarosaria Taddeo (foto httpswww.oii.ox.ac.uk)

La cloud company,  riporta una nota del gruppo, frutto dell’esperienza e delle competenze digitali del Gruppo TIM, dei suoi Data Center che vi confluiscono e delle professionalità specialistiche di Noovle Srl – società acquisita da TIM lo scorso maggio e tra i principali partner di Google Cloud nel mercato italiano – si focalizzerà sulla fornitura di servizi e soluzioni Multicloud innovativi e su misura per i clienti TIM, che vanno dalla gestione nei propri Data Center delle infrastrutture di rete, ai servizi di progettazione e assistenza, alla migrazione verso il cloud e al supporto delle attività di gestione collegate, utilizzando le più evolute tecnologie basate sull’intelligenza artificiale e l’Internet of Things. I servizi offerti permetteranno ai clienti di affrontare le sfide della trasformazione digitale e migliorare l’esperienza d’uso. Noovle vuole accompagnare le aziende nei progetti di trasformazione cloud e quindi innovare il mondo del lavoro e l’esperienza digitale. Tutti questi servizi vedranno la sicurezza al centro della proposta.

Il vertice di Noovle risulta così composto: Mariarosaria Taddeo, Presidente non esecutivo, e Carlo D’Asaro Biondo, Amministratore Delegato. Taddeo, professore associato all’Università di Oxford e massima esperta in tecnologie digitali e in Intelligenza Artificiale, ricopre il ruolo di Senior Research Fellow e Vicedirettore del Digital Ethics Lab all’Oxford Internet Institute dell’Università di Oxford. Carlo D’Asaro Biondo, invece, è entrato in TIM lo scorso aprile con l’obiettivo di implementare le attività Cloud del Gruppo e le partnership strategiche, tra cui quella con Google.

Grazie ad una rete proprietaria di complessivi 17 Data Center all’avanguardia distribuita su tutto il territorio nazionale – realizzata secondo i più avanzati standard tecnologici e di sicurezza e secondo le più recenti best practice di sostenibilità ambientale nel rispetto degli obiettivi ESG di Gruppo – la società offrirà risorse e servizi innovativi assicurando la gestione di server, dati e informazioni in un ambiente cloud sicuro, localizzato in Italia.

In particolare, prosegue la nota, TIM affiderà a Noovle il compito di realizzare sei nuovi Data Center specializzati nell’offerta public e hybrid cloud, con certificazione TIER IV, e gestire sette data center Core e quattro centri servizi già operativi per la più ampia offerta di soluzioni informatiche, dislocati su tutto il territorio nazionale, dai quali viene erogata l’offerta Cloud, hybrid Cloud e Multicloud di TIM. Una infrastruttura all’avanguardia che nel 2022 raggiungerà oltre 50.000 mq di superficie totale su scala nazionale per una capacità che toccherà fino a 100 MW di potenza IT fruibile e strettamente integrata con la rete primaria in fibra ottica di TIM per una riduzione strutturale delle latenze di interconnessione tra i servizi.

Noovle parte oggi con circa 1.000 professionisti e stima di raggiungere 1 miliardo di euro di fatturato nel 2024 con una crescita media annua di circa il 20% e un EBITDA atteso di circa 400 milioni di euro.

La scelta strategica di focalizzare in Noovle le competenze cloud di TIM si inserisce, spiega la nota, nel più ampio percorso di importanti investimenti tecnologici che il Gruppo TIM sta realizzando per lo sviluppo di infrastrutture di rete di ultima generazione, di competenze chiave nell’Information Technology e nel cloud per supportare la digitalizzazione del tessuto produttivo e amministrativo del Paese.

Carlo D’Asaro Biondo (Foto Ansa)

“Sono orgoglioso di annunciare la nascita di Noovle Spa e di condividere questo progetto con il nostro Presidente Mariarosaria Taddeo. Si tratta di un’iniziativa fondamentale per la digitalizzazione del Paese nell’ottica di creare infrastrutture adeguate a far crescere le nostre imprese. Diamo vita ad una società che parte da una base importante, sana e solida e grazie al conferimento della rete di Data Center di TIM, e ai mille professionisti con cui partiamo, possiamo guardare al futuro con ambizione. Il nostro obiettivo sarà concentrarci sin da ora nel portare valore ai cittadini, alle imprese e alla Pubblica Amministrazione”, ha commentato Carlo d’Asaro Biondo, Amministratore Delegato di Noovle Spa.

Noovle rafforzerà l’alleanza già avviata dal Gruppo TIM con Google Cloud e si avvarrà inoltre di importanti partnership strategiche realizzate con le principali società leader del settore quali Atos, Cisco, Citrix, Microsoft, Salesforce, SAP e VMware.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

CHI FA CHE COSA per reagire alla crisi sociale da Covid-19

CHI FA CHE COSA per reagire alla crisi sociale da Covid-19

Ok Mediaset a sede legale in Olanda (ma tasse in Italia). Confalonieri: bene difesa UE da Ott; decisi verso polo pan-europeo

Ok Mediaset a sede legale in Olanda (ma tasse in Italia). Confalonieri: bene difesa UE da Ott; decisi verso polo pan-europeo

Cairo: Per La7 20 anni di successi. La rete fa servizio pubblico, meritiamo anche noi una piccola quota di canone 

Cairo: Per La7 20 anni di successi. La rete fa servizio pubblico, meritiamo anche noi una piccola quota di canone