Andrea Orcel verso la carica di ceo di Unicredit, sciolto il nodo per il posto lasciato da Mustier. Oggi il Cda

Si scioglie il nodo sul nuovo ceo di Unicredit e si va verso la nomina di Andrea Orcel al posto lasciato da Jean Pierre Mustier lo scorso novembre. Lo ha appreso Ansa da fonti finanziarie e oggi è in programma il Cda dell’azienda per indicare Orcel, banchiere d’affari molto stimato sul mercato, alla nuova carica.

Dopo che è trapelata la notizia, Unicredit ha festeggiato in Borsa. Il titolo ieri ha chiuso la seduta in rialzo del 4,45% a 7,75 euro.

            

Ad Orcel, romano, studi alla Sapienza e banchiere d’affari di razza con trascorsi prima in Merrill Lynch poi in Ubs, mancava solo l’approdo alla guida di un grande gruppo bancario. Ci aveva provato il Santander che a settembre del 2018 ne aveva annunciato l’ingresso come ad. Una nomina che poi dopo pochi mesi è saltata.

Orcel nel tempo è sempre stato molto vicino a Unicredit avendo seguito nella sua veste di banker più di un dossier, primo tra tutti l’integrazione tra Unicredito e Credito Italiano che ha dato vita proprio al gruppo di Piazza Gae Aulenti.

Unicredit Tower (Foto: ANSA / MATTEO BAZZI)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

TOP 100 INFORMAZIONE ONLINE (Comscore). A maggio vince lo sport sul digitale, preludio a un’estate ricca di eventi. Citynews sempre in vetta 

TOP 100 INFORMAZIONE ONLINE (Comscore). A maggio vince lo sport sul digitale, preludio a un’estate ricca di eventi. Citynews sempre in vetta 

Apre a Cagliari la prima biblioteca italiana in un aeroporto, con l’aiuto di molte case editrici: 1.600 volumi a disposizione dei passeggeri

Apre a Cagliari la prima biblioteca italiana in un aeroporto, con l’aiuto di molte case editrici: 1.600 volumi a disposizione dei passeggeri

Garante Privacy: per proteggere nostri dati in arrivo due regolamenti Ue; serve trasparenza negli algoritmi di intelligenza artificiale

Garante Privacy: per proteggere nostri dati in arrivo due regolamenti Ue; serve trasparenza negli algoritmi di intelligenza artificiale