Il Festival di Sanremo sarà in sicurezza e si atterrà al Dpcm. Coletta (Rai1): Al pubblico dobbiamo evasione e intrattenimento, lo facciamo per questo

“Considero Sanremo il continuum dell’intrattenimento realizzato quest’anno. Non c’era possibilità più difficile per il genere vista la situazione creata dalla pandemia”. Lo ha detto il direttore di Rai1 Stefano Coletta, come riporta Ansa, rispondendo ai cronisti nel corso della conferenza stampa web del Cantante mascherato, lo show condotto da Milly Carlucci.

“Abbiamo lavorato con la prefettura, con la Asl di Imperia per farlo. Sotto l’egida del DPCM Sanremo potrà essere meno rischioso. Attenersi al decreto – ha sottolineato – garantisce il rispetto di regole molto strette”.

“Io ho fatto tanta gavetta, e sono entrato nel mio ruolo all’inizio del primo lockdown”, ha aggiunto Coletta. “Ho avuto due intuizioni in quel caso: che le persone volevano essere sì informate, ma anche consolate e intrattenute da una quota di evasione. Ho seguito da allora queste tre direzioni. Ad esempio su Rai1 ho chiamato il Vaticano per assicurare ai credenti la messa mattutina in periodo di lockdown”.

Stefano Coletta (Foto ANSA/MASSIMO PERCOSSI)

Quanto a Sanremo, ha sottolineato, “sarà un programma tv seriale ma condensato in cinque serate. Andrà in onda dall’Ariston e quindi non va considerato un evento, ma uno show televisivo. Abbiamo lavorato da mattina a sera, lo facciamo pensando al pubblico. La quota di evasione e intrattenimento noi al pubblico la dobbiamo”.

Naomi Campbell aprirà il festival – “La donna che aprirà il festival di Sanremo numero 71 sarà Naomi Campbell”. Lo annuncia Amadeus in un’intervista alla ‘Stampa’. “Questa estate – spiega il direttore artistico e conduttore -ho visto un servizio in tv su di lei e su quello che rappresenta al di là della moda. Lei sarà certamente la co-conduttrice della prima serata perché amo il racconto delle loro esperienze. In totale vedrete dieci donne al mio fianco: alcune per una sera, altre per tutta la settimana e si rappresenteranno come preferiranno. Naomi potrà raccontare ciò che il pubblico non sa e le appartiene. La sua amicizia con Nelson Mandela, le sue battaglie per i diritti civili contro il razzismo. Vedrete, sarà magnifica”.

Informativa sul Festival in Cda Rai di domani – Domani il Festival di Sanremo e, in particolar modo, il tema della sicurezza sanitaria della kermesse canora sarà, a quanto apprende l’Adnkronos, il piatto forte del Cda Rai convocato in mattinata con diversi punti all’ordine del giorno: sul tavolo del consiglio, infatti, al quarto punto spicca la voce ‘Festival di Sanremo 2021. Informativa’. Come oramai da diverso tempo non manca poi una relazione sull’attività della task force aziendale sull’emergenza Covid-9 e sui relativi impatti economici.

Il Cda, inoltre, delibererà sui piani di produzione e trasmissione che entrano nel merito delle specifiche risorse da distribuire alle singole reti e testate a fronte del budget 2021 e ascolterà il direttore dei Diritti Sportivi Pier Francesco Forleo sui mondiali di calcio 2022. In programma anche l’audizione del direttore del Bilancio Sociale.

Tutti temi importanti, ma è fuori di dubbio che la maggiore trepidazione riguarda il Festival di Sanremo tanto più dopo che il ministro della Salute Roberto Speranza ha scritto al Comitato tecnico scientifico chiedendo di stilare dei protocolli di sicurezza per gli artisti che prenderanno parte al Festival ribadendo comunque il ‘no’ al pubblico in sala.

Il ministro Speranza ribadisce: spettacoli in teatri senza pubblico – Per gli spettacoli “che si svolgono nelle sale teatrali” valgono le norme previste dal Dpcm attualmente in vigore “che consente lo svolgimento di spettacoli in assenza di pubblico”. E’ quanto scrive il ministro della Salute Roberto Speranza nella nota con cui ha inviato al Comitato tecnico scientifico la richiesta del 20 gennaio delle case discografiche affinché gli esperti intervengano per “predisporre un protocollo di sicurezza degli artisti” che si esibiranno a Sanremo. Al Cts il ministro chiede di fornire “in tempo utile le necessarie indicazioni”, tenendo conto di quanto previsto dal Dpcm.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

ITsArt , la ‘Netflix della cultura’, sulla rampa di lancio.  Sarà una “piattaforma di distribuzione aperta”

ITsArt , la ‘Netflix della cultura’, sulla rampa di lancio. Sarà una “piattaforma di distribuzione aperta”

Su diritti tv Lega Serie A rimanda alla prossima assemblea (verranno fatte “disamine tecniche e giuridiche”)

Su diritti tv Lega Serie A rimanda alla prossima assemblea (verranno fatte “disamine tecniche e giuridiche”)

Rai, Salini fa causa a Striscia. “Diritto di satira è inviolabile, ma c’è un limite quando si appoggia su notizie non veritiere”

Rai, Salini fa causa a Striscia. “Diritto di satira è inviolabile, ma c’è un limite quando si appoggia su notizie non veritiere”