Il 60% degli italiani si espone inconsapevolmente ai rischi informatici legati alla pirateria per guardare sport, film e serie Tv

Una nuova ricerca commissionata da FACT, organizzazione leader nella protezione della proprietà intellettuale, ha rivelato che tre italiani su cinque (60%) non sono consapevoli dei rischi nascosti della pirateria – tra cui frodi, furti di identità e malware – né dei suoi legami con organizzazioni criminali.

cco (Photo by Thought Catalog on Unsplash)

La ricerca, che mirava a valutare il comportamento e l’atteggiamento dei consumatori nei confronti della pirateria, riporta un comunicato, ha rilevato che a causa delle restrizioni in vigore in tutto il paese, la TV e la tecnologia hanno tenuto occupate milioni di persone, con quasi la metà degli italiani (44%) che durante il periodo natalizio ha acquistato o ricevuto in regalo dispositivi per vedere film, programmi TV e sport preferiti.

Nonostante in molti (86%) fossero consapevoli dell’illegalità della pirateria, la maggior parte dei consumatori (60%) non era a conoscenza dei più ampi rischi associati a questo fenomeno. Quasi due terzi degli intervistati (60%) ha mostrato una iniziale tentazione ad utilizzare i propri nuovi dispositivi per accedere gratuitamente a contenuti premium come sport o film, rischiando di esporre inconsapevolmente sé stessi e i dispositivi ai pericoli nascosti della pirateria.

Tuttavia, una volta messi in guardia sui rischi di frode, furto di identità, malware e dei legami con la criminalità organizzata, la maggior parte dei consumatori ha dichiarato di aver cambiato la propria percezione nei confronti della pirateria e dei pirati, e il 40% degli intervistati ha affermato che, alla luce di quanto appreso, avrebbe sconsigliato ad amici e parenti di ricorrere a piattaforme pirata.

Kieron Sharp, CEO di FACT, ha dichiarato: “Sebbene sia positivo che molte persone sappiano che la pirateria è illegale, sembra esserci scarsa conoscenza dei rischi cui vanno incontro gli utenti di certi servizi. Di conseguenza, in molti si espongono inconsapevolmente ai pericoli legati a questo fenomeno. Eppure, il furto di identità, le frodi, i malware e virus per i dispositivi sono dei rischi molto concreti. Invito chiunque stia prendendo in considerazione la fruizione di contenuti piratati di pensarci due volte e di chiedersi se valga davvero la pena correre il rischio di dare a organizzazioni criminali l’accesso ai propri dispositivi e conti correnti”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Forte preoccupazione in Sky per l’accordo Tim-Dazn. Ibarra scrive alla Lega Serie A: verificare criticità concorrenziali e di compatibilità

Forte preoccupazione in Sky per l’accordo Tim-Dazn. Ibarra scrive alla Lega Serie A: verificare criticità concorrenziali e di compatibilità

Ecco la bozza delle disposizioni di legge sulla ‘transizione digitale’ e ruolo e poteri in mano al ministero affidato a Colao

Ecco la bozza delle disposizioni di legge sulla ‘transizione digitale’ e ruolo e poteri in mano al ministero affidato a Colao

Forza Italia presidia il dipartimento Informazione. Con  il liberale Giuseppe Moles gran esperto della Difesa

Forza Italia presidia il dipartimento Informazione. Con il liberale Giuseppe Moles gran esperto della Difesa