UniCredit, il nuovo ceo Andrea Orcel arriva a metà aprile. Sul tavolo due o tre nomi per il ruolo di dg di ‘transizione’ del gruppo

Per la figura di direttore generale di ‘transizione’ di Unicredit – in attesa dell’arrivo a metà aprile del nuovo ceo, Andrea Orcel e nel caso in cui l’attuale ad Jean Pierre Mustier lasci primi della scadenza  – la scelta ruota  attorno a due-tre nomi.Come riporta Ansa, tra i papabili emerge, secondo quanto si raccoglie, soprattutto Carlo Vivaldi, citato in questi mesi anche come possibile a.d, attualmente co-chief operating officer, per quattro anni fino al 2019 a capo della Divisione Europa Centro Orientale e un lungo percorso nella banca. Si fa il il nome del co-ceo commercial Banking, Central Eastern Europe, Niccolo’  Ubertalli e anche di Francesco Giordano co-ceo commercial banking western Europe.

Unicredit Tower (Foto: ANSA / MATTEO BAZZI)

Il prossimo 11 febbraio la banca diffonderà i conti del 2020, approvati il giorno prima (il 10) dal board. In Borsa il titolo cede l’1,81% a 7,55 euro.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Forte preoccupazione in Sky per l’accordo Tim-Dazn. Ibarra scrive alla Lega Serie A: verificare criticità concorrenziali e di compatibilità

Forte preoccupazione in Sky per l’accordo Tim-Dazn. Ibarra scrive alla Lega Serie A: verificare criticità concorrenziali e di compatibilità

Ecco la bozza delle disposizioni di legge sulla ‘transizione digitale’ e ruolo e poteri in mano al ministero affidato a Colao

Ecco la bozza delle disposizioni di legge sulla ‘transizione digitale’ e ruolo e poteri in mano al ministero affidato a Colao

Forza Italia presidia il dipartimento Informazione. Con  il liberale Giuseppe Moles gran esperto della Difesa

Forza Italia presidia il dipartimento Informazione. Con il liberale Giuseppe Moles gran esperto della Difesa