Calcio, la Lega Serie A si prepara a chiudere la trattativa con i fondi di private equity: assemblea il 4 febbraio

La Lega Serie A si prepara a chiudere la trattativa con i fondi di private equity. Dopo lo slittamento dell’assemblea in programma inizialmente il 27 gennaio, i club si ritroveranno il prossimo 4 febbraio in presenza a Milano (e non in videoconferenza come previsto per la prima riunione) per votare sull’offerta della cordata formata da CVC, Advent e Fsi.

Nell’ordine del giorno infatti è previsto il voto riguardo “l’approvazione del ‘Term Sheet’ con il Consorzio CVC-Advent-FSI” ma anche la approvazione delle modalità di distribuzione delle risorse provenienti dall’operazione” con i fondi. Inoltre, i club voteranno anche relativamente all’elezione del consigliere di Lega indipendente, del Collegio dei Revisori dell’organismo di vigilanza, oltre a decidere i compensi degli organi di Lega.

Intanto, verso le trattative private con i broadcaster per i diritti tv del campionato 2021/24, la Lega ha pubblicato l’invito ad offrire per il pacchetto 1bis relativo alla trasmissione di 266 partite a stagione su OTT e internet, da lanciare nel caso in cui Sky (a cui il Consiglio di Stato ha vietato le esclusive sul web) dovesse aggiudicarsi il pacchetto principale contenente le gare.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

TOP 100 INFORMAZIONE ONLINE (Comscore). A maggio vince lo sport sul digitale, preludio a un’estate ricca di eventi. Citynews sempre in vetta 

TOP 100 INFORMAZIONE ONLINE (Comscore). A maggio vince lo sport sul digitale, preludio a un’estate ricca di eventi. Citynews sempre in vetta 

Apre a Cagliari la prima biblioteca italiana in un aeroporto, con l’aiuto di molte case editrici: 1.600 volumi a disposizione dei passeggeri

Apre a Cagliari la prima biblioteca italiana in un aeroporto, con l’aiuto di molte case editrici: 1.600 volumi a disposizione dei passeggeri

Garante Privacy: per proteggere nostri dati in arrivo due regolamenti Ue; serve trasparenza negli algoritmi di intelligenza artificiale

Garante Privacy: per proteggere nostri dati in arrivo due regolamenti Ue; serve trasparenza negli algoritmi di intelligenza artificiale