Bardazzi e Ippolito lanciano Bea – Be a media company, la nuova casa della narrazione d’impresa

L’ecosistema digitale offre alle imprese, alle istituzioni e alle organizzazioni delle straordinarie possibilità di raccontarsi. Ma non è semplice muoversi correttamente e agilmente nel caos della Rete. Per far cogliere al meglio le opportunità di farsi conoscere, promuoversi e crescere, nasce una nuova formula di agenzia di consulenza, Be A Media Company. Sotto la guida di Salvatore Ippolito e Marco Bardazzi, da anni protagonisti della industry nazionale della comunicazione, con lunghe esperienze nei principali media e aziende italiane, Bea – Be a Media Company vuole fungere da catalizzatore di talenti. E comincia il proprio percorso contando sulla partnership e gli accordi strategici con tre importanti realtà del mondo della comunicazione: The Visual Agency, specializzata in visualizzazione dei dati e progetti ad alto valore aggiunto per comunicare la complessità; Dalk, specializzata nel branded content e nella produzione di longform econtenuti ‘data-driven’, grazie a competenze di data scouting, analysis e storytelling; e quindi Imille, agenzia creativa, ma anche società di consulenza strategica, studio di design e partner per l’innovazione in pista da innovatore dal 2004. La nuova società si presenta ai nastri di partenza con una vocazione umanistica e tecnologica al contempo.

Bardazzi e Ippolito

Salvatore Ippolito ha commentato: “Bea aiuterà le aziende a costruire o ripensare la narrazione strategica, la mission, i bilanci di sostenibilità e l’intera identità corporate alla luce delle sfide dei prossimi decenni, prime tra tutte l’Agenda 2030 e le opportunità aperte da Next Generation Eu e Green Deal europeo. Un ‘compagno di viaggio’ ideale per un tragitto a cui le aziende saranno chiamate, di enorme attualità e rilevanza”.

Ha detto invece Bardazzi (nella foto): “La migliore pubblicità è sapersi raccontare. Negli Anni Venti vedremo fiorire opportunità per le aziende di disintermediare la comunicazione e avviare un dialogo nuovo con gli stakeholder. La narrazione strategica offre la possibilità di creare valore reputazionale sviluppando soprattutto le piattaforme ‘owned’. Ogni impresa può essere una media company e Bea, con il proprio network di talenti, è il partner ideale per individuare le audience a cui rivolgersi”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Forte preoccupazione in Sky per l’accordo Tim-Dazn. Ibarra scrive alla Lega Serie A: verificare criticità concorrenziali e di compatibilità

Forte preoccupazione in Sky per l’accordo Tim-Dazn. Ibarra scrive alla Lega Serie A: verificare criticità concorrenziali e di compatibilità

Ecco la bozza delle disposizioni di legge sulla ‘transizione digitale’ e ruolo e poteri in mano al ministero affidato a Colao

Ecco la bozza delle disposizioni di legge sulla ‘transizione digitale’ e ruolo e poteri in mano al ministero affidato a Colao

Forza Italia presidia il dipartimento Informazione. Con  il liberale Giuseppe Moles gran esperto della Difesa

Forza Italia presidia il dipartimento Informazione. Con il liberale Giuseppe Moles gran esperto della Difesa