Sanremo, Cts: Festival non slitterà, aspettiamo dalla Rai il piano di sicurezza. Il sindaco Biancheri: All’Ariston solo personale sanitario

Condividi

“Il Festival di Sanremo è una manifestazione che sicuramente si organizzerà all’inizio di marzo, siamo in attesa di ricevere dalla Rai il piano di sicurezza in maniera tale che possiamo poi esprimerci con un nostro parere circa la modalità di fruizione dell’evento. Non penso ci sarà uno slittamento del Festival ma si tratta semplicemente di analizzare con precisione quelle che sono le attività del Festival all’interno del teatro Ariston e all’esterno perché ci sono decine di migliaia di persone che raggiungono Sanremo dalla provincia di Imperia durante le giornate del Festival”. Lo ha affermato, riporta Adnkronos, Fabio Ciciliano, segretario del Comitato tecnico scientifico (Cts), ospite di ‘Che giorno’ è su Rai Radio1.

“In sala all’Ariston nelle serate del Festival solo sanitari vaccinati, medici, infermieri, volontari delle ambulanze, operatori socio sanitari. Un modo per ringraziare chi in questi undici mesi ha dato il massimo nella lotta al coronavirus e un efficace messaggio verso quella vaccinazione di massa che ci porterà fuori da questo incubo”. E’ l’idea del sindaco di Sanremo, Alberto Biancheri, che in un’intervista alla Stampa – in attesa del protocollo che la Rai dovrà sottoporre ad horas al Comitato Tecnico Scientifico – sostiene che “l’Ariston sarà uno studio televisivo come quelli che continuiamo a vedere in questo periodo. A me non preoccupa cosa può accadere lì, ma il rischio di assembramenti in città. Ho piena fiducia nei protocolli che saranno presentati e il Comune farà la sua parte per fare in modo che in alcun modo ci possano essere rischi per le persone”. Quanto all’ipotesi slittamento, “non ne so nulla, per me sono confermate – dice – le date di inizio marzo”.