Il Covid indebolisce anche gli investimenti pubblicitari digitali: la raccolta 2020 chiude a -0,8%. Fcp: bene dicembre, +17,3%

“Gli investimenti pubblicitari rilevati dalla società Reply nell’ambito dell’Osservatorio Fcp Assointernet registrano a Dicembre 2020 una crescita del + 17,3%, sesto risultato positivo consecutivo dell’anno che porta al + 12,7% la performance del secondo semestre dell’anno. Il dato di chiusura anno risulta quasi in linea con il 2019, con un – 0,8%”,commenta Giorgio Galantis, presidente di Fcp Assointernet. La cui analisi prosegue così:
Considerando le oggettive difficoltà del 2020, in particolare del trimestre marzo-maggio, si conferma l’assoluta rilevanza del media digitale e la sua duttilità anche in un contesto molto critico. Cio ha permesso
al comparto digital di essere meno penalizzato nel rapporto tra la crescita delle audience e la monetizzazione degli investimenti ad esso associati.
Le analisi in termini di Device attestano a livello annuo gli ottimi risultati generati dagli smartphone, con
un + 5,1%; mentre in termini di Fruizione si è particolarmente distinta la crescita dei fatturati riconducibili
alle “App” (+ 12,9%).
L’analisi annuale per Settore merceologico evidenzia il positivo andamento di una pluralità di comparti quali:Alimentari, Distribuzione, Farmaceutici, Finanza/Assicurazioni, Telecomunicazioni, Edilizia, Abitazione,Toiletries. Si registra quindi a livello merceologico una sostanziale trasversalità del media digitale rispetto aidiversi settori di appartenenza delle aziende, fattore che ne consolida ulteriormente la sua rilevanza nelmedia mix delle aziende”.

Si chiude un altro anno in cui le Concessionarie aderenti ad FCP-Assointernet hanno continuato a lavorare sudiverse componenti dell’offerta per garantire prodotti sempre più rispondenti ai driver qualitativi del mercato. Brand safety, Ad fraud, metriche condivise, misurabilità di terze parti e trasparenza in primis, attraverso un dialogo aperto con gli spender e le loro agenzie, così come con le altre Associazioni aderenti al Libro Bianco e al paper sui principi condivisi sulle Gare Media. Siamo convinti che lo sviluppo del nostro mercato passi attraverso fattori quali la trasparenza e la qualità dei
prodotti editoriali e pubblicitari. Tale elemento risulta ampiamente confermato dalle preferenze degli utenti nell’anno appena trascorso, i quali hanno dimostrato grande apprezzamento per le informazioni affidabili e verificate. Proseguiremo anche nel 2021 con il medesimo impegno e dedizione.
Augurandoci che la tendenza a superare situazioni per certi versi “asimmetriche” rispetto alle grandi
piattaforme internazionali sia sempre più rafforzata, auspichiamo che il perimetro delle aziende aderenti ad Fcp-Assointernet, comprendente 18 aziende, nazionali ed internazionali, “pure player” digitali, broadcaster ed editori multimedia, possa costituire un riferimento ancora più rilevante nelle scelte di investimento di tutte le aziende investitrici, dei loro centri media e agenzie, anche in termini di volumi di spesa”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Casellati: l’affollamento di virologi in tv può alimentare il ‘fai da te’; informazione non gestita rischia di alimentare confusione

Casellati: l’affollamento di virologi in tv può alimentare il ‘fai da te’; informazione non gestita rischia di alimentare confusione

Quest’anno il mercato pubblicitario in Italia crescerà del 10,7%. Le previsioni al 2026 di GroupM: boom mondiale dell’adv su connected tv

Quest’anno il mercato pubblicitario in Italia crescerà del 10,7%. Le previsioni al 2026 di GroupM: boom mondiale dell’adv su connected tv

Diritti tv, Lega Serie A pubblica l’invito alla gara per le prossime tre stagioni Coppa Italia

Diritti tv, Lega Serie A pubblica l’invito alla gara per le prossime tre stagioni Coppa Italia