Il Manifesto avvia le iniziative per i​ cinquant’anni di vita​. Parte la nuova campagna abbonamenti ‘al buio’

“​Questo giornale puoi comprarlo al buio”​: a gennaio nelle edicole di tutta Italia sono apparse delle copie speciali del ​manifesto​. Un’iniziativa coordinata tra edizioni di carta, i canali digital e social del quotidiano e alcuni manifesti luminosi per le strade di Roma con la scritta “Da leggere al buio”.

#DaLeggereAlBuio è lo slogan scelto per la nuova campagna abbonamenti del ​manifesto firmata Latte Creative, che proseguirà con rubriche, azioni e contenuti dedicati nelle prossime settimane.

Norma Rangeri e Matteo Bartocci ( foto di Stephanie Gengotti dal sito Manifesto)

Il quotidiano diretto da Norma Rangeri infatti ad aprile compie 50 anni – debuttò il 28 aprile 1971 – e la campagna abbonamenti è il primo passo di un anno straordinario, con iniziative dedicate su tutti i canali, a cominciare dall’edicola.

La campagna punta a raccontare come nel buio e nel caos della contemporaneità sia necessario avere informazioni libere, indipendenti e controcorrente. Un giornale di cui potersi fidare perché si mostra per ciò che è, che va in profondità con inchieste, riflessioni e idee capaci di illuminare i fatti e di mettere al centro della scena chi è ai margini.

Il ​manifesto lo fa dal 1971: illumina ciò che è al buio, offre un’informazione coraggiosa e senza padroni. Un giornalismo militante e appassionato di cui ti puoi fidare, che va in profondità ma non rinuncia a lottare contro tutte le ingiustizie.

Nel corso del 2021 ​il manifesto investirà tutta la propria creatività sul fronte editoriale e su strategie di coinvolgimento innovative della propria comunità di lettori e abbonati.

Con oltre 200.000 utenti attivi registrati sul sito, lo sviluppo dei prodotti digitali prosegue con l’obiettivo di creare una community ancora più unita e più sicura, con il più rigoroso rispetto della privacy e dei diritti digitali dei lettori, senza attività di profilazione o estrazione di dati, come fa fin dall’inizio della sua presenza on line nel 1995, primo quotidiano nazionale italiano a dotarsi di un sito web.

#DaLeggereAlBuio infatti è solo uno degli ambiti su cui si sviluppa la collaborazione tra ​il manifesto​, Latte Creative e i diversi ​partner​ coinvolti.

Latte Creative: ​Con la direzione creativa di Lorenzo Terragna hanno lavorato al progetto Nicole Romanelli (Copywriter), Antonella Romano (Art Director), Claudia Conte (Project Manager), Claudio Riccio (Strategist), Alessandro Tilli (Coder).

the Reach Out Labs: ​digital publishing e main partner tecnologico del manifesto. ALÈA Strategy​: Marketing e Data Analysis, Guido Tocco e Raul Grazioli.

Il manifesto: ​Shendi Veli (project manager), Costanza Fraia (grafica e illustrazioni), Caterina Giordano (media), Matteo Bartocci (direttore editoriale).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

ITsArt , la ‘Netflix della cultura’, sulla rampa di lancio.  Sarà una “piattaforma di distribuzione aperta”

ITsArt , la ‘Netflix della cultura’, sulla rampa di lancio. Sarà una “piattaforma di distribuzione aperta”

Su diritti tv Lega Serie A rimanda alla prossima assemblea (verranno fatte “disamine tecniche e giuridiche”)

Su diritti tv Lega Serie A rimanda alla prossima assemblea (verranno fatte “disamine tecniche e giuridiche”)

Rai, Salini fa causa a Striscia. “Diritto di satira è inviolabile, ma c’è un limite quando si appoggia su notizie non veritiere”

Rai, Salini fa causa a Striscia. “Diritto di satira è inviolabile, ma c’è un limite quando si appoggia su notizie non veritiere”