Lega Seria A. Dal Pino: nessuna frenata su fondi e media company, manca accordo su un paio di punti; le cose vanno fatte bene

“Non vedo nessuna frenata, semplicemente bisogna arrivare a fare le cose fatte bene. E farle solo se si vede che c’è un consenso quasi unanime, amplissimo, senza forzare nulla. Ci sono due punti in particolare su cui manca l’accordo. Per questo l’assemblea ha deciso di rinviare il voto sui fondi in una prossima assemblea che si svolgerà giovedì prossimo”. Lo ha detto il presidente della Lega di Serie A Paolo Dal Pino al termine dell’Assemblea di Lega odierna che ha rinviato la decisione sull’ingresso dei fondi.

Paolo Dal Pino (Foto LaPresse – Alfredo Falcone)

“Le decisioni fondamentali di una associazione come la Lega vanno prese senza forzare nulla, e io non mi permetterò mai di forzare niente. Bisogna seguire i tempi e le modalità corrette. Non ci sono aut aut, in linea di massima due persone che vogliono fare cose insieme trovano il giusto equilibrio”, ha aggiunto Dal Pino, spiegando poi che “non è una decisione semplicissima da prendere, è normale che le parti debbano trovare un consenso finale rispetto a certe posizioni. Bisogna avere molta lucidità e freddezza, non è una sconfitta per l’operazione fondi”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Forte preoccupazione in Sky per l’accordo Tim-Dazn. Ibarra scrive alla Lega Serie A: verificare criticità concorrenziali e di compatibilità

Forte preoccupazione in Sky per l’accordo Tim-Dazn. Ibarra scrive alla Lega Serie A: verificare criticità concorrenziali e di compatibilità

Ecco la bozza delle disposizioni di legge sulla ‘transizione digitale’ e ruolo e poteri in mano al ministero affidato a Colao

Ecco la bozza delle disposizioni di legge sulla ‘transizione digitale’ e ruolo e poteri in mano al ministero affidato a Colao

Forza Italia presidia il dipartimento Informazione. Con  il liberale Giuseppe Moles gran esperto della Difesa

Forza Italia presidia il dipartimento Informazione. Con il liberale Giuseppe Moles gran esperto della Difesa