Google come Apple, esplora un’app antitracciamento per migliorare la privacy degli utenti. Una funzione che ha già scatenato una guerra tra Cupertino e Facebook

Google come Apple sta esplorando una funzione anti-tracciamento per migliorare la privacy degli utenti. Una funzione che ha già scatenato una guerra tra l’azienda di Cupertino e Facebook. Secondo Bloomberg, Google sta discutendo internamente come limitare la raccolta dei dati e il monitoraggio delle app sul sistema operativo Android, ma in un modo meno rigoroso della soluzione di Apple. Big G sta cercando, cioè, di bilanciare le crescenti richieste dei consumatori attenti alla privacy con le esigenze finanziarie di sviluppatori e inserzionisti. “Siamo alla ricerca di modi per collaborare con gli sviluppatori per alzare il livello di privacy consentendo al contempo un ecosistema di app supportato dalla pubblicità”, ha affermato un portavoce di Google, come riporta la testata economica.

Tim Cook (Foto Ansa – EPA/ROBIN VAN LONKHUIJSEN)

Come riporta Ansa, nelle settimane scorse è esplosa la polemica tra Apple e Facebook. L’azienda di Cupertino, in un prossimo aggiornamento software per iPhone e iPad, aggiungerà infatti una nuova funzionalità chiamata ‘App Tracking Transparency’ che consente agli utenti di scegliere se le app possono raccogliere dati su di loro attraverso altre app e siti web. La mossa ha scosso l’industria della pubblicità digitale, in primis Facebook che si è lamentata per la funzione che limiterà la capacità di offrire annunci personalizzati e generare entrate. Nei giorni scorsi, il ceo di Apple Tim Cook, durante una conferenza a Bruxelles, ha colto l’occasione per condannare proprio questo modello di business.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Casellati: l’affollamento di virologi in tv può alimentare il ‘fai da te’; informazione non gestita rischia di alimentare confusione

Casellati: l’affollamento di virologi in tv può alimentare il ‘fai da te’; informazione non gestita rischia di alimentare confusione

Quest’anno il mercato pubblicitario in Italia crescerà del 10,7%. Le previsioni al 2026 di GroupM: boom mondiale dell’adv su connected tv

Quest’anno il mercato pubblicitario in Italia crescerà del 10,7%. Le previsioni al 2026 di GroupM: boom mondiale dell’adv su connected tv

Diritti tv, Lega Serie A pubblica l’invito alla gara per le prossime tre stagioni Coppa Italia

Diritti tv, Lega Serie A pubblica l’invito alla gara per le prossime tre stagioni Coppa Italia