Fazio sfiora 4,7 milioni e fa il 15,7% nell’Obama Time. Travolti i live, ma Mina non cede…

Un’altra iniezione di America ‘democratica’ su Rai3. Dopo le interviste a George Clooney e ad Anthony Fauci, ma anche a Susan Sarandon e Julia Roberts, ieri è atterrato su ‘Che tempo che fa’ niente meno che Barack Obama.

Il lungo passaggio dell’ex presidente Usa ha fatto bene a tutto il programma, alzando le prestazioni anche della ‘presentazione’, e poi trainando ad un risultato migliore anche la fase del ‘tavolo’. Obama si è collegato con Fabio Fazio alle 21.23 circa, e poi è rimasto in onda a chiacchierare amabilmente con il conduttore fino alle 21.59 circa. Gli effetti benefici sui numeri del programma sono stati a largo spettro. Sette giorni prima, infatti, Fazio aveva raccolto col programma 2,449 milioni di spettatori e il 9,2% e poi col ‘tavolo’ era arrivato 1,510 milioni di spettatori e l’8,6%. Il picco di ascolti di oltre 3 milioni e 170mila spettatori pari a uno share dell’11,50% era coinciso con una lezione di Roberto Burioni sul meccanismo di funzionamento dei vaccini. Ieri la trasmissione avendo tra i vari ospiti in tutto l’arco della trasmissione, oltre a Barack Obama, anche Giovanna Botteri, Massimo Giannini, Giorgio Cottarelli, Claudio Cerasa, Franco Locatelli, Roberto Burioni, Massimo Scaccabarozzi, Pupi Avati e Renato Pozzetto, Giovanni Malagò, ha raccolto 3,543 milioni di spettatori e 13,2% e poi col ‘tavolo’ 1,595 milioni di spettatori e 9%, con la presentazione a quota 2,3 milioni e l’8,9%. Il progresso, quindi, nella fase centrale del programma è stato di ben 4 punti di share. Ma l’effetto Obama è stato ancora più ampio nella fase ‘secca’ dell’intervista.

Negli oltre trentacinque minuti di passaggio, infatti, Obama ha portato Fazio a quota 4,366 milioni di spettatori ed il 15,7%, sfiorando 4,672 milioni di picco alle 21.33, rimanendo comunque dietro all’imbattibile Mina Settembre su Rai1. Quando ha salutato, l’ex presidente aveva ancora 4,140 milioni di spettatori davanti ai teleschermi.

Dall’altra parte della barricata dei talk ‘live’, una difesa dignitosa, ancorché perdente è stata quella allestita nell’Obama Time da Barbara D’Urso (Maria Elena Boschi ha risposto sia sulla politica che sulla vita sentimentale) e Massimo Giletti, che ha dibattuto nella sua arena de La7 di politica e vaccini.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Forte preoccupazione in Sky per l’accordo Tim-Dazn. Ibarra scrive alla Lega Serie A: verificare criticità concorrenziali e di compatibilità

Forte preoccupazione in Sky per l’accordo Tim-Dazn. Ibarra scrive alla Lega Serie A: verificare criticità concorrenziali e di compatibilità

Ecco la bozza delle disposizioni di legge sulla ‘transizione digitale’ e ruolo e poteri in mano al ministero affidato a Colao

Ecco la bozza delle disposizioni di legge sulla ‘transizione digitale’ e ruolo e poteri in mano al ministero affidato a Colao

Forza Italia presidia il dipartimento Informazione. Con  il liberale Giuseppe Moles gran esperto della Difesa

Forza Italia presidia il dipartimento Informazione. Con il liberale Giuseppe Moles gran esperto della Difesa