Con la sospensione dell’account di Trump si impenna il numero di utenti di Twitter (che non ne rivela però l’impatto sulla pubblicità)

Durante il periodo delle festività natalizie il numero degli utenti su Twitter è impennato, un trend che si è protratto anche nel mese di gennaio, quando la società ha oscurato l’account di uno dei suoi utenti più influenti: l’ex presidente statunitense Donald Trump. 

Per quest’anno, tuttavia, la società ha stimato un rallentamento della crescita della base utenti rispetto agli ultimi mesi e si aspetta che l’aggiornamento della privacy previsto da Apple possa avere un modesto impatto sulle sue attività pubblicitarie. 

Come riporta DowJones, nel mese di gennaio, l’azienda ha notato che il tasso giornaliero di crescita dei suoi utenti è notevolmente aumentato rispetto al numero medio registrato nello stesso periodo negli ultimi quattro anni, ma non ha fornito ulteriori dettagli. Di norma, l’azienda non dà indicazioni sulla crescita degli utenti su base trimestrale, ma ha affermato di aver fatto un’eccezione a causa di circostanze insolite, facendo riferimento alla sospensione dell’account dell’ex presidente Usa dalla piattaforma e all’assalto del 6 gennaio al Campidoglio degli Stati Uniti da parte di una folla di suoi sostenitori. 

Twitter non ha rivelato l’impatto specifico dell’assenza di Trump dalla piattaforma sul suo business pubblicitario, la sua principale fonte di entrate. Ned Segal, tuttavia, il Chief Financial Officer dell’azienda, ha voluto precisare che la decisione dell’azienda è stata ben accolta dagli inserzionisti. 

Jack Dorsey (Foto Ansa -EPA/JIM LO SCALZO)

Twitter ha oscurato il profilo di Trump poco dopo l’assalto al Campidoglio, per il rischio di ulteriori violenze e ripetute violazioni delle sue politiche, mossa replicata anche da altri social media come Facebook e YouTube. 

Per il trimestre concluso a dicembre, Twitter ha detto che gli utenti giornalieri sono saliti a 192 milioni dai 187 milioni registrati nel terzo trimestre e dai 152 milioni un anno prima. La sua base utenti negli Stati Uniti è cresciuta di 1 milione nel quarto trimestre rispetto al terzo trimestre. Al contrario, Facebook ha riferito che il numero di user negli Stati Uniti e in Canada è diminuito per il secondo trimestre consecutivo, con l’amministratore delegato Mark Zuckerberg che ha notato che le conversazioni sempre più politicizzate sulla piattaforma hanno danneggiato l’esperienza degli utenti. 

In quanto ai risultati trimestrali, Twitter ha registrato un fatturato record nel quarto trimestre, che è aumentato del 28% su base annua a 1,29 miliardi di dollari, un segnale che l’azienda si sta riprendendo dall’impatto del calo delle vendite pubblicitarie osservato all’inizio della pandemia. 

Il suo utile netto del trimestre è quasi raddoppiato rispetto allo scorso anno, raggiungendo i 222 milioni di dollari, o 27 centesimi per azione. Per l’intero anno, l’azienda ha contabilizzato una perdita di 1,14 miliardi di dollari, o 1,44 dollari per azione. 

Per il primo trimestre del 2021, Twitter ha stimato un fatturato tra 940 e 1,01 miliardi di dollari, mentre gli analisti contattati da FactSet hanno fornito una previsione di 965 milioni di dollari. 

L’azienda ha anche annunciato dei miglioramenti ai suoi prodotti pubblicitari, sebbene stia cercando di generare entrate anche con altri mezzi. Un esempio è l’accordo di acquisizione del mese scorso della piattaforma di newsletter Revue Holding, che riflette il crescente interesse tra le società di social media nel fornire ai creatori di contenuti strumenti per ottenere introiti. 

Per quest’anno l’azienda intende anche ampliare il suo staff di oltre il 20%, principalmente nelle aree dedicate a ingegneria, prodotto, progettazione e ricerca. Oltre a questo, l’azienda si aspetta che i suoi costi operativi e le sue spese del 2021 aumentino del 25% nel 2021, leggermente al di sopra del tasso del 19% registrato nel 2020. 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Cairo: Per La7 20 anni di successi. La rete fa servizio pubblico, meritiamo anche noi una piccola quota di canone 

Cairo: Per La7 20 anni di successi. La rete fa servizio pubblico, meritiamo anche noi una piccola quota di canone 

Tgcom24 è il sito di news più letto nell’anno della pandemia, Ansa ancora prima per affidabilità (con la fiducia dell’82% degli italiani)

Tgcom24 è il sito di news più letto nell’anno della pandemia, Ansa ancora prima per affidabilità (con la fiducia dell’82% degli italiani)

In Hearst Italia grande adesione al piano di incentivi per dimezzare i dipendenti

In Hearst Italia grande adesione al piano di incentivi per dimezzare i dipendenti