Fastweb elimina la timbratura del cartellino: Fiducia ai dipendenti e organizzazione flessibile

Un gesto simbolico che rappresenta da anni la quintessenza del rapporto del dipendente con il proprio posto di lavoro: timbrare il cartellino, una, due, a volte anche quattro volte al giorno per certificare la propria presenza in ufficio, sinonimo e misuratore tradizionale della “produttività”.

Alberto Calcagno, amministratore delegato di Fastweb, l'8 maggio a Milano, alla presentazione delle nuove offerte mobile.

Alberto Calcagno

Fastweb, dopo aver esteso fino a 5 giorni a settimana la possibilità per tutti i dipendenti di lavorare da remoto, compie un ulteriore passo nel rovesciamento dello schema tradizionale di lavoro, basato sul controllo e sulla presenza fisica sul posto di lavoro.

Dal mese di febbraio, viene eliminata la timbratura fisica in entrata e in uscita, sostituita con un sistema automatico che attribuisce ad ogni dipendente la presenza e affida a quest’ultimo la responsabilità di certificare eventuali scostamenti, ad esempio la fruizione di ferie o di permessi.

“Quando tutto cambia anche l’approccio organizzativo del lavoro è chiamato a cambiare, innovare, trasformarsi e adattarsi, cogliendo le opportunità di crescita nascoste in questi mesi difficili” sottolinea Matteo Melchiorri, Chief Human Capital Officer di Fastweb. “L’eliminazione della timbratura è un’ulteriore e concreta prova di quanto la cultura aziendale che alimentiamo in Fastweb si concretizzi in una rivoluzione culturale basata sulla centralità della persona, e in un modo di lavorare e di vivere l’azienda fondato su fiducia, responsabilità ed il perseguimento di obiettivi, elementi che diventano preponderanti rispetto a qualsiasi altro indicatore”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Elon Musk a Torino per l’Italian Tech week

Elon Musk a Torino per l’Italian Tech week

Levi (AIE): bene l’ingresso delle librerie di catena in ALI Confcommercio

Levi (AIE): bene l’ingresso delle librerie di catena in ALI Confcommercio

CHI FA CHE COSA per reagire alla crisi sociale da Covid-19

CHI FA CHE COSA per reagire alla crisi sociale da Covid-19