Investire nello sviluppo delle infrastrutture, dice Webuild al Governo Draghi

Appena nato il governo Draghi, da cui ci si aspetta una veloce ripresa degli investimenti nelle infrastrutture, parte la comunicazione di Webuilt, gruppo multinazionale italiano attivo nella realizzazione di grandi opere nel settore delle costruzioni e ingegneria, il cui lavoro più famoso in Italia è la costruzione a tempi di ricordo del nuovo ponte San Giorgio a Genova, dopo la catastrofe del ponte Morandi.

IL NUOVO SPOT WEBUILD

Ricordando gli ottimi risultati della gestione commissariale, che con il sostegno di tutte le forze politiche, è riuscita a facilitare gli atti amministrativi e istituzionali per permettere alle squadre di ingegneri e operai di lavorare notte e giorno e concludere in quindici mesi i lavori ( facendo i conti anche con il Covid 19), Webuild, presidente Donato Iacovone, ad Pietro Salini, nel suo spot invita a considerare il “Modello Genova” come paradigma della “possibilità di realizzare opere in tempi rapidi per lo sviluppo infrastrutturale di cui tutta l’Italia necessità”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Video correlati

1° maggio. Fedez attacca la Lega: “Rai voleva censurarmi”. Viale Mazzini smentisce. Di Mare: Dichiarazioni di Fedez gravi e infondate 1° maggio. Fedez attacca la Lega: “Rai voleva censurarmi”. Viale Mazzini smentisce. Di Mare: Dichiarazioni di Fedez gravi e infondate

1° maggio. Fedez attacca la Lega: “Rai voleva censurarmi”. Viale Mazzini smentisce. Di Mare: Dichiarazioni di Fedez gravi e infondate

La telefonata di Fedez con funzionari e organizzatori del Concerto 1 Maggio La telefonata di Fedez con funzionari e organizzatori del Concerto 1 Maggio

La telefonata di Fedez con funzionari e organizzatori del Concerto 1 Maggio

Draghi: nel Pnrr il destino dell’Italia. 50 miliardi per digitale, innovazione e cultura; complessivamente disporremo di 248 miliardi Draghi: nel Pnrr il destino dell’Italia. 50 miliardi per digitale, innovazione e cultura; complessivamente disporremo di 248 miliardi

Draghi: nel Pnrr il destino dell’Italia. 50 miliardi per digitale, innovazione e cultura; complessivamente disporremo di 248 miliardi