Il virologo Crisanti: il pool di esperti va aggiornato e nel Cts deve entrare chi ha visto l’epidemia sul campo non in televisione

Va ‘aggiornato’ il pool di esperti del Cts che ha affiancato i politici alle prese con le scomode decisioni di gestione della pandemia? “Penso che la squadra tecnica, e l’ho detto già altre volte, debba essere implementata da persone che questa epidemia l’hanno vista sul campo. Perché c’è chi l’ha vista in televisione e chi l’ha vista sul campo”. Parola di Andrea Crisanti. Il virologo, intervenuto ad ‘Agorà’ su Rai3, non si sottrae alle domande.

Al Comitato tecnico scientifico per l’emergenza Covid servirebbero esperti come l’infettivologo Massimo Galli? “Sicuro – risponde Crisanti – Ci sono persone che hanno avuto la capacità di valutare e prevedere perché sicuramente capiscono quello che sta succedendo e sicuramente il loro supporto sarebbe necessario”. In ogni caso, per il direttore del Laboratorio di Microbiologia e Virologia dell’Azienda ospedaliera di Padova e docente di Microbiologia dell’ateneo cittadino una cosa è certa: “Se i politici prendessero decisioni senza il consiglio dei tecnici, è come se andassero bendati. Bisogna pure rendersi conto di questo”.

Quanto alle divergenze e alle diverse visioni espresse in tempo di crisi coronavirus dai vari scienziati, virologi, camici bianchi, Crisanti puntualizza: “Che ci siano differenze nella linea degli esperti è normale. Non è normale che i politici usino queste differenze a fini propri. Questo è sbagliato”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Cairo: Per La7 20 anni di successi. La rete fa servizio pubblico, meritiamo anche noi una piccola quota di canone 

Cairo: Per La7 20 anni di successi. La rete fa servizio pubblico, meritiamo anche noi una piccola quota di canone 

Tgcom24 è il sito di news più letto nell’anno della pandemia, Ansa ancora prima per affidabilità (con la fiducia dell’82% degli italiani)

Tgcom24 è il sito di news più letto nell’anno della pandemia, Ansa ancora prima per affidabilità (con la fiducia dell’82% degli italiani)

In Hearst Italia grande adesione al piano di incentivi per dimezzare i dipendenti

In Hearst Italia grande adesione al piano di incentivi per dimezzare i dipendenti