Alinari presenta la Fondazione: “Portiamo l’archivio fotografico in villa Fabbricotti a Firenze e troviamo sede per museo

L’obiettivo è portare l’archivio fotografico Alinari, uno dei più grandi e famosi al mondo, negli spazi di villa Fabbricotti di Firenze entro un anno. E parallelamente, cercare una sede per il museo. Sono i principali impegni della Fondazione Alinari per la Fotografia, presentata oggi a Firenze, con il presidente, Giorgio van Straten e il direttore, Claudia Baroncini.

Come riporta Ansa, l’archivio Alinari, acquistato dalla Regione Toscana nel 2019, conta oltre 5 milioni di pezzi, tra fotografie, documenti, libri specializzati e attrezzature tecniche storiche, cui si sono aggiunte adesso quasi 260mila immagini digitali. L’archivio di immagini fotografiche digitalizzate, è stato spiegato, è già fruibile sul sito www.alinari.it, mentre l’intero patrimonio analogico è attualmente conservato nei magazzini della società Art Defender di Calenzano (Firenze), in attesa del suo spostamento a Villa Fabbricotti, che sarà adeguata alla sua nuova funzione di archivio. In attesa di trovare uno spazio espositivo per il museo, parte delle foto Alinari saranno in mostra in giro per il mondo, a partire dall’estate 2021, in Europa, Asia, Africa e Americhe.

“Un archivio va, prima di tutto, conservato e valorizzato – ha detto Giorgio van Straten, presidente della Fondazione -. E da qui siamo partiti con il nostro primo progetto sul restauro e la digitalizzazione dei dagherrotipi della collezione che ha partecipato al bando del ministero ottenendo il contributo più alto. Le fotografie sono uno strumento per raccontare il mondo del passato e quello del presente, e questa idea di racconto sarà alla base di molte nostre iniziative”. Per la direttrice Claudia Baroncini, “l’ambizione è anche trasformare l’archivio in un luogo di formazione sulla fotografia, autorevole, vivace e di rilievo, mettendo a disposizione di studenti, professionisti e appassionati materiali, strumenti, conoscenze e competenze”.

Fondazione Alinari (screenshot da video YouTube)

Il presidente Giani: Santa Maria Novella sia spazio espositivo Alinari – Per il patrimonio Alinari “ci vuole un spazio adeguato che sia un centro permanente. Per me sarebbe adattissimo il complesso di Santa Maria Novella. Sappiamo che è enorme, sappiamo che ora che è tornato di proprietà del Comune, dopo lo spostamento della scuola ufficiale dei carabinieri,  sarà destinatario del museo della lingua italiana che il Comune di Firenze ha in collaborazione con il ministero; pero’ contemporaneamente ci potrebbe essere lo spazio perché uno dei cinque chiostri possa offrire degli spazi permanenti per i fratelli Alinari”. Lo ha detto il presidente della Toscana, Eugenio Giani, facendo un appello al sindaco di Firenze Dario Nardella, in occasione della presentazione della Fondazione Alinari.

Come si legge ancora su Ansa, Giani ha spiegato che “il progetto, fatte le debite proporzioni, ha lo stesso metodo del progetto degli Uffizi diffusi. Noi abbiamo acquistato il patrimonio della grande casa fotografica Alinari perché ne vogliamo fare uno strumento di diffusione e di conoscenza culturale per tutta la Toscana.

Quindi avremo la sede a Villa Fabbricotti e tutta la documentazione” che si “muoverà sulla base di mostre, di eventi, anche di prestiti”. Per Giani, oltre a villa Fabbricotti, “un spazio in centro lo dobbiamo avere. In un primo momento avevo pensato al nostro palazzo della Regione, in via del Duomo 10, ma poi abbiamo visto che è difficilmente compatibile per un centro permanente con gli uffici che ancora lì ci sono, e gli spazi sono pochi. Lì magari faremo delle mostre, partiremo proprio il 25 di marzo con il ‘Dante day’ con foto Alinari che abbiano come tema Dante Alighieri insieme a foto contemporanee di Massimo Sestini”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

<strong> 22 giugno </strong> Inghilterra-Repubblica Ceca vince facile. Berlinguer al 7,2%

22 giugno Inghilterra-Repubblica Ceca vince facile. Berlinguer al 7,2%

Elon Musk a Torino per l’Italian Tech week

Elon Musk a Torino per l’Italian Tech week

Levi (AIE): bene l’ingresso delle librerie di catena in ALI Confcommercio

Levi (AIE): bene l’ingresso delle librerie di catena in ALI Confcommercio