A Mediaset i diritti della Champions League in chiaro e streaming. Pier Silvio Berlusconi: Ancora una volta offriamo un vero servizio per il pubblico

Condividi

Mediaset continuerà a garantire al pubblico italiano per tre anni, fino al 2024, la visione gratuita sulle reti generaliste della miglior partita di ogni turno di Champions League, Finale  compresa; il match sarà visibile gratuitamente anche online. 

Mediaset, si legge in una nota, offrirà ogni stagione anche la visione di altre 104 partite in diretta streaming pay: in pratica, tutti gli incontri della Coppa dei Campioni a esclusione di uno per turno. I match saranno visibili su tutti i device, dalle smart tv fino a tablet, pc e cellulari. 

Mediaset, che già offre in chiaro i match della stagione in corso, si è aggiudicata per altri tre anni il diritto a trasmettere sulle proprie piattaforme un totale di 121 partite di Champions League a stagione. 

Pier Silvio Berlusconi (foto uff stampa Mediaset)
Pier Silvio Berlusconi (foto uff stampa Mediaset)

Come si legge su DowJones, Pier Silvio Berlusconi, amministratore delegato di Mediaset ha spiegato che “è una grande soddisfazione per una tv commerciale quotata in Borsa – nonostante la grandissima concorrenza sui diritti sportivi che ormai arriva anche dai nuovi competitor OTT – riuscire a offrire  gratuitamente al pubblico italiano il calcio di grande qualità. Grazie all’investimento di Mediaset, i nostri telespettatori saranno tra i pochi in Europa a poter vedere in chiaro, sia in tv sia online, le migliori partite di Champions League. In più, dalla prossima stagione, chi lo desidera potrà anche estendere la visione ad altri 104 match di Champions League in streaming pay sulle piattaforme Mediaset. Una proposta pregiata che darà un’ulteriore spinta alla nostra offerta online già leader tra gli editori tv. Insomma, da Mediaset arriva ancora una volta un vero servizio per il pubblico: visto il momento di emergenza e di forte competizione con i colossi globali del web si tratta di un’offerta di grande valore editoriale”.