Contatti Zuckerberg-governo d’Australia dopo il blocco di Facebook alla condivisione di news. Il premier Morrison: Parliamo, ma no alle minacce

Il patron di Facebook Mark Zuckerberg ha parlato oggi con il Governo australiano del disegno di legge che cerca di costringere i giganti della tecnologia a pagare i media per la ripresa dei loro contenuti. Il primo ministro Scott Morrison ha insistito sul fatto che il suo paese non intende piegarsi alle “minacce”. A partire da ieri infatti, gli australiani non possono più pubblicare link ad articoli di notizie o visitare le pagine Facebook dei media australiani, che non possono più condividere i loro contenuti sul social network.

Scott Morrison (Foto Ansa – EPA/LUKAS COCH)

Il ministro delle Finanze australiano Josh Frydenberg ha detto di aver parlato con Zuckerberg e che i negoziati continueranno questo fine settimana. “Abbiamo discusso le questioni in sospeso e abbiamo concordato che i nostri rispettivi team le affronteranno immediatamente”, ha detto Frydenberg su Twitter.


Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

ITsArt , la ‘Netflix della cultura’, sulla rampa di lancio.  Sarà una “piattaforma di distribuzione aperta”

ITsArt , la ‘Netflix della cultura’, sulla rampa di lancio. Sarà una “piattaforma di distribuzione aperta”

Su diritti tv Lega Serie A rimanda alla prossima assemblea (verranno fatte “disamine tecniche e giuridiche”)

Su diritti tv Lega Serie A rimanda alla prossima assemblea (verranno fatte “disamine tecniche e giuridiche”)

Rai, Salini fa causa a Striscia. “Diritto di satira è inviolabile, ma c’è un limite quando si appoggia su notizie non veritiere”

Rai, Salini fa causa a Striscia. “Diritto di satira è inviolabile, ma c’è un limite quando si appoggia su notizie non veritiere”