Come andranno gli ascolti del Festival di Sanremo? Ce lo possono già dire i trend delle conversazioni social

Analizzare l’andamento delle conversazioni social su Sanremo partendo dalle settimane precedenti alla messa in onda con un confronto con gli stessi periodi dell’edizione precedente può rappresentare – secondo Comscore – una buona proxy, oltre che un volano, per stimare il successo, anche televisivo, del Festival che si svolgerà  – come noto, senza pubblico – dal 2 al 6 marzo.

Da una prima analisi – a cui ne seguiranno altre – questi sono i trend social su Sanremo:

– Per i presentatori e co-conduttori TV, al momento quelli annunciati con pagine Social sono 5 contro 11 dell’anno passato. Comscore segnala che rispetto alla scorsa edizione Fiorello è ancora “dormiente”, non sta pubblicando nulla sulla sua pagina Instagram dal 13 novembre 2020.

– Per il focus Radio il “boost” è legato alla presenza nel Cluster de Gli Autogol, entrati a far parte della squadra di Radio2. Senza di loro l’aggregato sarebbe attorno alle 209k Interactions, dunque in leggera flessione rispetto al 2020.

– Per le Pagine Social ufficiali del programma si rilevano forti cali sia sulle pagine ufficiali Festival di Sanremo che su quelle di Casa Sanremo. Le decrescite – spiega Comscore – sono effettivamente legate a un minor ingaggio degli utenti in quanto il numero di contenuti pubblicati nei due periodi 2021 e 2020 sono sostanzialmente gli stessi sia su Facebook che su Instagram.

 

NOTA MEDODOLOGICA

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Cairo: Per La7 20 anni di successi. La rete fa servizio pubblico, meritiamo anche noi una piccola quota di canone 

Cairo: Per La7 20 anni di successi. La rete fa servizio pubblico, meritiamo anche noi una piccola quota di canone 

Tgcom24 è il sito di news più letto nell’anno della pandemia, Ansa ancora prima per affidabilità (con la fiducia dell’82% degli italiani)

Tgcom24 è il sito di news più letto nell’anno della pandemia, Ansa ancora prima per affidabilità (con la fiducia dell’82% degli italiani)

In Hearst Italia grande adesione al piano di incentivi per dimezzare i dipendenti

In Hearst Italia grande adesione al piano di incentivi per dimezzare i dipendenti