Askanews, ok dei creditori al piano di rientro. In vendita la partecipazione in Internazionale, Base per altezza e InPiù

Notizie positive sul fronte Askanews, l’agenzia di stampa nazionale che fa capo a Luigi Abete in pesante crisi da tempo e che ha avviato una procedura di concordato preventivo a inizio 2019.

Luigi Abete (Foto Ansa/Angelo Carconi)

L’azienda, secondo quanto riferito dalla direzione alla redazione, ha incassato l’ok al piano di rientro (proposta concordataria) da parte del 70% dei creditori (e della maggioranza delle classi in cui sono stati ripartiti). Tecnicamente questa quota di adesione consente al commissario giudiziale di richiedere l’omologa del piano di rientro e rilancio dell’agenzia di stampa al Tribunale di Roma, ottenuta la quale scatteranno 3 anni di tempo per il risanamento. Come a dire che, fermo restando il rispetto del piano, per i circa 90 giornalisti dell’agenzia si apre un periodo di relativa tranquillità fino a metà del 2024. Non c’è da dimenticare infatti che il personale giornalistico di askanews sta pagando da tempo la crisi in atto, dapprima con un pesante taglio degli stipendi (dal 30 al 50%) e quindi con la sottoscrizione di contratti di lavoro part time (con riduzioni dal 13 al 46%). In base ad un accordo sindacale firmato in sede Fnsi a febbraio 2020 l’azienda si è impegnata a ridurre progressivamente il part time, in relazione alle uscite occupazionali, oltre ad una certa quota stabilita.

Il piano di rientro prevede risparmi sul costo del lavoro per 1,6 milioni l’anno e la vendita delle quote nelle partecipate (Internazionale, Base per altezza, InPiù) per 1,7 milioni oltre a un risparmio di 115mila euro per il trasferimento della sede in un edificio di proprietà dell’editore in via Prenestina.

La proposta concordataria prevederebbe il ristoro di quote tra il 16 e il 18% dei creditori chirografari, tra cui figurano anche l’Agenzia delle entrate, l’Inps (per i poligrafici e gli amministrativi), l’Inpgi (ma non per la parte relativa al Fondo previdenziale giornalistico). Sembra che Inpgi abbia ritenuto illegittimo il suo collocamento tra i creditori chirografari ed abbia annunciato opposizione.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Maccanico lascia Sky per guidare il progetto della nuova Cinecittà presieduta da Chiara Sbarigia

Maccanico lascia Sky per guidare il progetto della nuova Cinecittà presieduta da Chiara Sbarigia

<strong> Venerdì 16 e Sabato 17 aprile </strong> Pio e Amedeo battono Serena Rossi. De Filippi stacca Gioè (r)

Venerdì 16 e Sabato 17 aprile Pio e Amedeo battono Serena Rossi. De Filippi stacca Gioè (r)

“La pandemia non è un gioco della comunicazione con cui accaparrarsi i voti”, dice il ministro Patuanelli

“La pandemia non è un gioco della comunicazione con cui accaparrarsi i voti”, dice il ministro Patuanelli