28 febbraio Luisa Ranieri sfiora il 30%. Poi D’Urso e Milan-Roma, Giletti e Ranucci

Andava alla verifica della seconda puntata, dopo il successo notevole dell’esordio, ‘Le indagini di Lolita Lobosco’. La fiction di Rai1 con Luisa Ranieri protagonista è stata la proposta clou, televisivamente parlando, di domenica 28 febbraio, che lato calcio in prime time è stata caratterizzata dalla trasmissione su Sky di Roma-Milan, vinta fuoricasa dai rossoneri per due a uno dopo una sfida vibrante. Altro aspetto saliente della serata, il riposo forzato di ‘Che tempo che fa’ (Fabio Fazio ha affrontato un piccolo intervento ed è a riposo), con il talk della terza rete sostituito da una puntata ‘speciale’ di ‘Report’. Più spazio avevano, in teoria, così i live di Barbara D’Urso e Massimo Giletti. I telefilm di Rai2 ed i film di Rete4 e Italia 1 completavano la griglia.

La classifica delle varie trasmissioni generaliste in prima serata in ordine di ascolti è stata la seguente. Luisa Ranieri perde due punti ma fa sempre il botto. D’Urso e Giletti non approfittano dell’assenza di Fazio, va forte Roma-Milan su Sky

Su Rai1 la seconda puntata della fiction di produzione ‘Le Indagini di Lolita Lobosco’ con Luisa Ranieri, Filippo Scicchitano, Giovanni Ludeno, Jacopo Cullin, Bianca Nappi, Giulia Fiume, Ninni Bruschetta, Paolo Briguglia, Lunetta Savino, ha riscosso 6,850 milioni di spettatori con il 29,8% di share vincendo facilmente la serata (7,535 milioni di spettatori con il 31,8% di share sette giorni prima).

Su Canale 5 ‘Live-Non è la D’Urso’, in onda dalle 21.48 alle 25.22, con Stefano Bonaccini, Matteo Bassetti, Licia Ronzulli, Davide Faraone, Gianluigi Nuzzi, Mario Giordano, I Cugini di Campagna, Giulia Salemi, Walter Zenga, Maria Teresa Ruta, Amedeo Goria tra gli ospiti, ha riscosso 1,894 milioni di spettatori e 11,7% e con l’apertura a 2,2 milioni di spettatori con 8,4% di share (sette giorni prima 2,022 milioni di spettatori e 12,2% e con l’apertura a 2,4 milioni di spettatori con 8,8% di share).

Su Sky Roma-Milan, vinta dai rossoneri per due a uno, ha avuto 1,891 milioni di spettatori ed il 7,3% di share.

Su La7 la nuova puntata del 2021 di ‘Non è l’Arena’, con Luca Palamara, Pierpaolo Sileri, Sandra Amurri, Peter Gomez, Massimo Mallegni, Pier Luigi Stefani, Tommaso Cerno, Guido Crosetto, Luigi De Magistris, Giovanni Meloni tra gli ospiti e l’ultima parte del programma sul caso Genovese, ha riscosso 1,411 milioni e 5,6% nella prima parte e 842mila ed il 6,5% con la seconda parte (sette giorni prima 1,482 milioni e 5,7% nella prima parte e 894mila ed il 6,4% con la seconda parte).

Su Rai3 ‘Speciale Report- Terra, Acqua, Fuoco, Aria’ con Sigfrido Ranucci alla conduzione e quattro servizi cult del programma, ha raccolto 1,444 milioni di spettatori e 5,8%.

Su Italia 1 l’action fantasy ‘Catwoman’ con Halle Berry, Benjamin Bratt, Sharon Stone, Lambert Wilson, Frances Conroy, ha attratto 1,1 milioni di spettatori con il 4,6% di share.

Su Rai2 il telefilm in prima tv ‘9-1-1’ ha avuto 1,1 milioni di spettatori con il 4,2% e per ‘Lone Star’ 983 mila e 3,7%.

Su Rete4 la pellicola ‘13 Hours – The Secret Soldiers Of Benghazi’, con John Krasinski, James Badge Dale, Max Martini tra i protagonisti, ha avuto 527mila spettatori con il 2,6% di share.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Ferrari, ok al bilancio. Elkann confermato presidente: Progressi verso short list per nuovo ceo, primo modello tutto elettrico nel 2025

Ferrari, ok al bilancio. Elkann confermato presidente: Progressi verso short list per nuovo ceo, primo modello tutto elettrico nel 2025

Terremoto in Lega Serie A, 7 club chiedono le dimissioni del presidente Dal Pino: Irrevocabile sfiducia da parte delle società, tra cui Juve e Inter

Terremoto in Lega Serie A, 7 club chiedono le dimissioni del presidente Dal Pino: Irrevocabile sfiducia da parte delle società, tra cui Juve e Inter

Mediaset: Nessuna apertura dell’ultima ora su Vivendi, ma ok a soluzioni positive per tutti

Mediaset: Nessuna apertura dell’ultima ora su Vivendi, ma ok a soluzioni positive per tutti