Editoria, il sottosegretario Moles: nessuno deve essere lasciato indietro; spero di poter fare tutto ciò che è necessario fare

Condividi

«Da oggi si lavora». Intercettato da Lanfranco Palazzolo per Radio Radicale all’uscita dal giuramento, il sottosegretario all’Informazione e all’Editoria, Giuseppe Moles commenta il nuovo ruolo nella squadra del premier Mario Draghi.

Giuseppe Moles (foto Fnsi)

L’esponente del governo – si legge nel sito Fnsi – ritiene assolutamente fondamentale il rinvio dei tagli al settore ed evidenzia: «Questo è un momento di crisi sanitaria, sociale, economica, di conseguenza c’è bisogno di supporto per tutti i settori. Come tanti altri settori, anche quello dell’editoria e dell’informazione non può essere lasciato indietro».
«Da liberale, la libertà di informazione e di espressione per me è fondamentale», prosegue Moles, che, rispondendo alle domande dell’inviato, aggiunge: «Spero di poter fare tutto ciò che è necessario fare in questo momento».