“Gogne social” con insulti e minacce, per la polizia postale Facebook non collabora alle indagini sugli insulti via web

Facebook non fornisce alla polizia postale informazioni sui propri utenti nel corso di indagini sui reati di diffamazione per le cosiddette “gogne social” con insulti e minacce. È quanto afferma la stessa polizia postale in una annotazione di servizio redatta nell’ambito di un procedimento trattato dalla procura di Torino (che ha chiesto l’archiviazione della pratica per impossibilità di risalire all’identità degli autori dei commenti). Il rapporto informa che di norma Facebook chiede l’attivazione di una rogatoria specifica.

Come riporta Ansa, gli investigatori sottolineano che in assenza dei dati (i cosiddetti “files di log”) è possibile talvolta associare un account a una persona fisica, che però potrebbe non essere necessariamente responsabile del commento in questione.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Libri, gli editori indipendenti festeggiano: nel primo trimestre 2021 crescita in volume del 34%

Libri, gli editori indipendenti festeggiano: nel primo trimestre 2021 crescita in volume del 34%

Dal 26 aprile in zona gialla spettacoli aperti al pubblico in teatri, sale da concerto, cinema. Ok ristoranti all’aperto

Dal 26 aprile in zona gialla spettacoli aperti al pubblico in teatri, sale da concerto, cinema. Ok ristoranti all’aperto

Hate speech, nuovo filtro Instagram per bloccare i messaggi Direct inappropriati

Hate speech, nuovo filtro Instagram per bloccare i messaggi Direct inappropriati