Il business per le farmacie negli Usa che somministrano vaccini? Una miniera di dati dei consumatori (anche) per fare marketing: la denuncia del Wsj

Il business per le farmacie americane che, in partnership col governo, somministrano i vaccini anti Covid? Una miniera di dati su milioni di consumatori, costretti a registrarsi per l’inoculazione, come rivela il Wall Street Journal.

Le grandi catene come Cvs Health, Walmart  e Walgreens-Boots Alliance spiegano che i dati sono necessari per ottimizzare le vaccinazioni e migliorare la conservazione dei dati ma non nascondono che li stanno usando anche per catturare nuovi clienti, per promuovere i loro negozi e servizi, facendo praticamente marketing.

Una farmacia CVS Health (foto Facebook)

Non a caso – come riporta Ansa – quando lo scorso mese è stato annunciato  il programma federale per consegnare i vaccini direttamente a migliaia di farmacie, le azioni di Cvs, che controlla il gigante assicurativo Aetna, e Walgreens sono aumentare del 6%.

Le vaccinazioni non hanno alcun costo per i cittadini, le spese sono coperte dal governo, mentre le farmacie possono scaricare sulle assicurazioni i costi amministrativi.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Dal Tribunale di Madrid primo round legale a favore di Perez e Agnelli: no a veti di esclusione dei club che promuovono la Superlega

Dal Tribunale di Madrid primo round legale a favore di Perez e Agnelli: no a veti di esclusione dei club che promuovono la Superlega

Superlega. Uefa tratta con un fondo investimento UK per creare una Champions da 7 miliardi di euro

Superlega. Uefa tratta con un fondo investimento UK per creare una Champions da 7 miliardi di euro

Nella TOP 20 SQUADRE INTERNAZIONALI PIÙ SOCIAL, 11 sono nella Superlega. Sensemakers: corrispondenza tra attività social e capacità di monetizzazione

Nella TOP 20 SQUADRE INTERNAZIONALI PIÙ SOCIAL, 11 sono nella Superlega. Sensemakers: corrispondenza tra attività social e capacità di monetizzazione