Sanremo 2021, prima serata: perchè Ama e Fiore calano. L’uscita degli over 55, non compensata dal buon aumento dei giovani. Fuga dei 75+

Dalla riviera dei fiori Rosario Fiorello e Amadeus, supportati da Matilda De Angelis e Zlatan Ibrahimovic. Con i primi tredici campioni in gara dopo i quattro ‘giovani’ in avvio, guest star l’ultimo vincitore Diodato, una strepitosa Loredana Bertè ospite della prima parte dello show (per rassicurare il pubblico più tradizionale della kermesse canora), un intenso e sanguinante Achille Lauro più tardi. E tante altre chicche, interventi e provocazioni, momenti divertenti. Ma in un impianto televisivo sostanzialmente sobrio.

Su Rai1 la prima serata della 71esima edizione del Festival di Sanremo, per la prima volta nella storia senza il pubblico in teatro, è andata avanti per un po’ avendo qualche difficoltà a entrare in temperatura.

La vera novità – sedie vuote ed effetti collaterali della pandemia a parte – sono state le canzoni e i cantanti, con un bouquet parso realmente eversivo rispetto a presenze, sonorità e atmosfere delle edizioni precedenti.

 

La graduatoria della prima votazione, arrivata non troppo tardi nella notte (25.30 circa), dice: prima Annalisa, seconda Noemi, terzo Fasma, quarti Francesca Michielin e Fedez, quinto Francesco Renga.

I numeri di Auditel dicono invece che la prima prova televisiva di Amadeus e Fiorello ha avuto 11,176 milioni di spettatori milioni di spettatori e il 46,35% di share nella prima parte (21.36-23.54) e 4,2 milioni e 47,77% nella seconda parte, tra le 23.58 e le 25.34; la media fa 8,4 milioni ed il 46,6% (10 milioni e 52 mila spettatori con il 52,2% il bilancio del 2020). Si tratta di una dignitosa prestazione, non tra le migliori degli ultimi anni. Ha fatto ‘peggio’ solo l’edizione del 2008 con Pippo Baudo e Piero Chambretti.

Il picco di ascolti è arrivato alle  21.46 con 13,950 milioni e il 47,03% di share, con Diodato sul palco.

Perchè il Festival è calato, cosa dice l’analisi dei profili di ascolto

Le ragioni per cui il Festival è calato molto rispetto al 2020, risiedono probabilmente (soprattutto) su motivi sociali e di contenuto molto particolari e profondi, che si potranno analizzare bene alla fine della kermesse. Ma intanto già dalla prima serata della rassegna, dai meter arrivano dei segnali chiari e delle indicazioni molto utili per capire le motivazioni più ‘soft’ e certi orientamenti generazionali. E’ innanzitutto calata la penetrazione del mezzo. Nella fascia ‘sanremese’, rispetto al 2020, il bacino della tv si è ristretto di oltre 1,3 milioni di spettatori. La manifestazione, quindi, ha funzionato un po’ meno che nel 2020, in termini di evento, con la e maiuscola, aggregante e trasversale. Ha costituto senza dubbio un apppuntamento top, ma con percezioni e reazioni in evoluzione a seconda dei segmenti di spettatori.

Ecco alcuni numeri illuminanti da Studio Frasi:  Amadeus e Fiorello hanno sofferto un netto calo dei consensi tra i target più adulti: tra i 55+ lo share è stato 46,2% contro il 53,5% del 2020. Tra i 75+, in particolare, c’è stato un abbandono ancora più rilevante: lo share è stato comunque altissimo, del 47%, ma è stato di quasi dieci punti inferiore rispetto al 56,6% dell’anno scorso. Tra i dati comunque positivi (per la pubblicità, ad esempio), invece, il calo dell’età mediana nella prima parte dello show, da 55 anni a 54; in particolare, poi, tra i 15-24 Sanremo ha fatto uno share superiore di 3.3 punti; mentre tra i 15-19 la kermesse ha avuto il 60% e tra i 20-24 ha fatto il 66%.

Il cast rinnovato dei cantanti ha quindi aiutato a ringiovanire molto il pubblico. Ma il recupero di consensi tra i giovani non ha coperto la fuoriuscita evidente degli anziani. Gli Under 34, che sono stati il 13,3% del pubblico del 2021, l’anno scorso erano stati il 12,1%.  Sono stati in crescita anche i dati sui 35-54, che sono arrivati alla quota del 29,4% (erano al 27,1%) con la prima serata di ieri.  Ma va sempre considerato che i 55+ rimangono il target chiave se si vuole fare il cosiddetto ‘botto’: anche ieri hanno rappresentato più della metà dell’audience del Festival.

 

Andamento prime serate dal 2010

 Sanremo 2020

Conduzione Amadeus, Fiorello e Tiziano Ferro
Ascolti: 10.058.000 e 52,2%

Sanremo 2019

Conduzione Claudio Baglioni con Virginia Raffaele e Claudio Bisio
Ascolti: 10.086.000 e 49,5%

Sanremo 2018

Conduzione Claudio Baglioni con Michelle Hunziker e Pierfrancesco Favino
Ascolti: 11.603.000 e 52,1%

Sanremo 2017

Conduzione Carlo Conti con Maria De Filippi
Ascolti: 11.374.000 e 50,37%
Sanremo 2016

Conduzione Carlo Conti con Virginia Raffaele, Gabriele Garko e Madalina Ghenea
Ascolti: 11.134.000 e 49,48%

Sanremo 2015

Conduzione Carlo Conti con Arisa, Emma e Rocio Munoz Morales
Ascolti: 11.767.000 e 49,34%

Sanremo 2014

Conduzione Fabio Fazio con Luciana Littizzetto
Ascolti: 10.938.000 e 45,93%

Sanremo 2013

Conduzione Fabio Fazio con Luciana Littizzetto
Ascolti: 12.969.000 e 48,20%
Sanremo 2012

Conduzione Gianni Morandi con Rocco Papaleo e Ivana Mrazova
Ascolti: 12.764.000 e 49,69%

Sanremo 2011

Conduzione Gianni Morandi con Belen Rodriguez, Elisabetta Canalis e Luca e Paolo
Ascolti: 11.992.000 e 46,32%

Sanremo 2010

Conduzione Antonella Clerici
Ascolti: 10.718.000 e 45,29%

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Settore smartphone in ripresa, ma Huawei non è più tra big. Aumento del 24% delle consegne su base annua

Settore smartphone in ripresa, ma Huawei non è più tra big. Aumento del 24% delle consegne su base annua

Bozza dl Covid: dal 26 aprile in zona gialla spettacoli aperti al pubblico in teatri, sale da concerto, cinema. Ok ristoranti all’aperto

Bozza dl Covid: dal 26 aprile in zona gialla spettacoli aperti al pubblico in teatri, sale da concerto, cinema. Ok ristoranti all’aperto

Hate speech, nuovo filtro Instagram per bloccare i messaggi Direct inappropriati

Hate speech, nuovo filtro Instagram per bloccare i messaggi Direct inappropriati