Calcio e diritti Tv. Ennesima fumata grigia. L’assemblea Lega Serie A non decide su diritti tv, aggiornata alla prossima settimana

Si è conclusa con un nulla di fatto l’Assemblea della Lega di Serie A convocata in videoconferenza e chiamata a votare sulle offerte di Sky e Dazn per i diritti tv del massimo campionato per il triennio 2021-2024. Nella riunione, alla quale erano presenti tutti i club, si è discusso anche della proposta da 1,7 miliardi dei fondi di privare equity per il 10% della Media Company. L’Assemblea della Lega Serie A si aggiornerà alla prossima settimana sempre sui temi dei diritti tv e dei fondi.

“L’Assemblea della Lega Serie A si è svolta oggi in video collegamento con la partecipazione di tutte le Associate -si legge nella nota diffusa dalla Lega Serie A-. I club, all’unanimità, hanno conferito mandato all’Amministratore Delegato per avviare una fase di trattative private per i diritti audiovisivi nell’area Medio Oriente e Nord Africa. Per quanto riguarda i diritti audiovisivi internazionali per tutti gli altri territori sono state chiuse le trattative private per invitare gli operatori a formulare le loro offerte migliorative. I diritti audiovisivi per il territorio italiano per il triennio 2021-2024 e l’operazione con il consorzio CVC – Advent – FSI, temi trattati durante la riunione come previsto dall’ordine del giorno, saranno invece approfonditi in una nuova Assemblea, prevista per la prossima settimana”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Maccanico lascia Sky per guidare il progetto della nuova Cinecittà presieduta da Chiara Sbarigia

Maccanico lascia Sky per guidare il progetto della nuova Cinecittà presieduta da Chiara Sbarigia

<strong> Venerdì 16 e Sabato 17 aprile </strong> Pio e Amedeo battono Serena Rossi. De Filippi stacca Gioè (r)

Venerdì 16 e Sabato 17 aprile Pio e Amedeo battono Serena Rossi. De Filippi stacca Gioè (r)

“La pandemia non è un gioco della comunicazione con cui accaparrarsi i voti”, dice il ministro Patuanelli

“La pandemia non è un gioco della comunicazione con cui accaparrarsi i voti”, dice il ministro Patuanelli