Tutti a scuola con De Agostini: tavole rotonde e incontri per il primo festival online della didattica

Condividi

50 eventi online gratuiti, oltre 100 ore di formazione, 45 giorni dedicati ai professori: si chiama ‘La scuola è’ ed è il primo festival online “per i docenti di oggi e i cittadini di domani”.Il festival debutta oggi e durerà fino al 22 aprile. Lo ha voluto e organizzato De Agostini Scuola, ente formatore accreditato dal ministero dell’Istruzione e tra i principali operatori di editoria scolastica in Italia,  per riflettere con esperti, formatori, giornalisti, divulgatori sulle tematiche più attuali della didattica e preparare gli studenti alle sfide del futuro. Il tema della scuola – si sa – è molto caldo in questo periodo. Ma, al di là delle aperture e chiusure delle aule, uno spazio di incontro (sia pur virtuale) per ragionare insieme su obiettivi e modalità per raggiungerli diventa importante.

5 le tavole rotonde, moderate da Federico Taddia, giornalista attento ai temi della Generazione Z e al mondo della scuola, dove si farà il punto sul ruolo e il valore sociale della scuola.

Si comincia oggi (h 17) con ‘La scuola è… Il futuro nel presente’ e una lectio magistralis di Andreas Schleicher, direttore per l’Istruzione e le competenze dell’Ocse sul tema dell’educazione degli studenti alle competenze del XXI secolo. A seguire, Damiano Previtali (ministero dell’Istruzione) parlerà di ‘non cognitive skills’ nella scuola italiana e Alessandra Rucci tratterà il ruolo del dirigente scolastico.
Il 19 marzo – vigilia della ‘Giornata internazionale della felicità’ – il direttore di Repubblica Maurizio Molinari affronterà, con docenti di psicologia e di lettere, il tema (molto dibattuto, all’esterno come all’interno del mondo scolastico) ‘La scuola è… Una professione meravigliosa‘ .

Si parlerà poi di di didattica digitale (24 marzo) con Mario Castoldi, dell’Università di Torino e responsabile del comitato scientifico di DeA Formazione. Mentre il 30/3 la parola passerà agli studenti e la scuola sarà affrontata come luogo di socializzazione e crescita, con la presentazione di una ricerca svolta in Italia da Ipsos e Save the Children sulla percezione che hanno avuto gli studenti delle classi secondarie dell’esperienza vissuta nell’ultimo anno. Lo scrittore Enrico Galiano e Alberto Pellai, psicoterapeuta e autore, si confronteranno per fornire strumenti utili a supporto dei docenti e dei ragazzi.
Ultimo appuntamento: ‘La scuola è… responsabile’. Dove si discuterà conigli  esperti dell’ASviS Luca Solesin , l’autore Andrea Franzoso e la climatologa Serena Giacomin sugli scenari futuri e sulla scuola come occasione per rendere gli studenti partecipi del cambiamento in maniera consapevole.

Alle tavole rotonde il festival ‘La scuola è‘ affianca inoltre incontri con studenti e giovani ricercatori.