La Russia rallenta Twitter: Non rimuove contenuti illegali, misure sul 100% degli apparecchi mobili e sul 50% dei fissi

Le autorità russe hanno annunciato di aver intenzione di rallentare la velocità di funzionamento di Twitter in Russia accusando il social network di non aver cancellato informazioni giudicate illegali. “Allo scopo di proteggere i cittadini russi (…) nei riguardi di Twitter dal 10 marzo 2021 sono state adottate misure di reazione centralizzata e propriamente il rallentamento primario della velocità del servizio (…). Il rallentamento sarà realizzato sul 100% degli apparecchi mobili e sul 50% di quelli fissi”, ha annunciato l’agenzia che controlla le telecomunicazioni in Russia, Roskomnadzor, in una nota ripresa da Interfax.

Come riporta Ansa, il vice capo del Servizio federale russo di supervisione delle comunicazioni (Roskomnadzor), Vadim Subbotin, ha detto che esiste la possibilità che il traffico di altre piattaforme web possa essere rallentato in caso di violazioni delle leggi russe. “Preferirei non nominarle. Ora stiamo parlando di un trasgressore specifico, nei confronti del quale si stanno prendendo misure rilevanti per garantire l’adempimento della legge russa”, ha detto Subbotin riferendosi a Twitter. Ma Anton Gorelkin, membro della Commissione della Duma sulla Comunicazione, ha detto che Facebook potrebbe essere il prossimo. Lo riporta Interfax.

“Il prossimo candidato per tali misure di rallentamento è Facebook”, ha detto Gorelkin a Interfax. In contrasto con Twitter, Facebook “almeno cerca di dare spiegazioni, a volte, quando riceve le richieste dal Roskomnadzor”, ha detto. “Allo stesso tempo, anche questa risorsa contiene informazioni illegali”, ha aggiunto Gorelkin. “Twitter non rimuove assolutamente nulla, e non è solo una questione di storie politiche, ma prima di tutto c’è la questione degli account associati alla mafia della droga, o dei suicidi; non ci sono assolutamente colloqui l’azienda e non è chiaro come Twitter prenda le decisioni”, ha detto.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Maccanico lascia Sky per guidare il progetto della nuova Cinecittà presieduta da Chiara Sbarigia

Maccanico lascia Sky per guidare il progetto della nuova Cinecittà presieduta da Chiara Sbarigia

<strong> Venerdì 16 e Sabato 17 aprile </strong> Pio e Amedeo battono Serena Rossi. De Filippi stacca Gioè (r)

Venerdì 16 e Sabato 17 aprile Pio e Amedeo battono Serena Rossi. De Filippi stacca Gioè (r)

“La pandemia non è un gioco della comunicazione con cui accaparrarsi i voti”, dice il ministro Patuanelli

“La pandemia non è un gioco della comunicazione con cui accaparrarsi i voti”, dice il ministro Patuanelli