Colao lascia tutti incarichi precedenti e vende azioni Vodafone e Verizon

Il Ministro per l’Innovazione e la Transizione Digitale, Vittorio Colao, ha chiuso tutte le collaborazioni in essere precedenti alla sua nomina ministeriale del 13 febbraio 2021.

Vittorio Colao (Foto Ansa – EPA/WILL OLIVER)

Lo rende noto il Dipartimento per la Trasformazione Digitale presieduto dal ministro Colao. In particolare, sottolinea la nota del Dipartimento, sono stati immediatamente interrotti il contratto di advisory con General Atlantic (Usa) e la conseguente partecipazione ai consigli di alcune partecipate in Gran Bretagna, Portogallo e Germania. Sono state inoltre date le dimissioni dai consigli di Unilever Plc (Uk), Verizon Communications (Usa) e da quello dell’Università Bocconi.

Il Dipartimento segnala ancora che Vittorio Colao e la moglie Silvia hanno inoltre completato la vendita di tutte le azioni ancora possedute della società Vodafone Plc (Uk), ottenute come retribuzione per il ruolo di Ceo del Gruppo Vodafone, lasciato nel 2018. Vittorio Colao ha anche venduto le azioni in Verizon Communications, ottenute come compensi per la partecipazione al consiglio della società. Gli organi competenti delle due società interessate sono stati coinvolti per autorizzare le transazioni in quanto necessario per regole di governance, conclude il Dipartimento per la Trasformazione Digitale presieduto dal ministro Colao.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Maccanico lascia Sky per guidare il progetto della nuova Cinecittà presieduta da Chiara Sbarigia

Maccanico lascia Sky per guidare il progetto della nuova Cinecittà presieduta da Chiara Sbarigia

<strong> Venerdì 16 e Sabato 17 aprile </strong> Pio e Amedeo battono Serena Rossi. De Filippi stacca Gioè (r)

Venerdì 16 e Sabato 17 aprile Pio e Amedeo battono Serena Rossi. De Filippi stacca Gioè (r)

“La pandemia non è un gioco della comunicazione con cui accaparrarsi i voti”, dice il ministro Patuanelli

“La pandemia non è un gioco della comunicazione con cui accaparrarsi i voti”, dice il ministro Patuanelli