Grammy: da Beyoncé a Stallion, è il trionfo delle donne. A Billie Eilish il premio per il disco dell’anno

La notte dei Grammy è stata nel segno delle donne. Brave, energiche, vincenti, protagoniste a Los Angeles con le loro performance artistiche e gli abiti mozzafiato, hanno segnato un’edizione, la 63esima, in uno degli anni più difficile per l’industria musicale: un’edizione semplice ed elegante, senza pubblico, con canzoni preregistrate e altre dal vivo. A differenza degli Emmy e dei Golden Globe, i Grammy infatti hanno evitato di ricreare un grande gala e hanno deciso di reinventarsi con un formato ridotto che ha dato tutto il risalto alla musica.

Beyoncé è stata la grande star degli Oscar della musica, che si è celebrata con il distanziamento sociale e l’uso di mascherine: la cantante ha conquistato quattro Grammy Awards, diventando la donna più premiata della storia, ormai è a quota 28, e con “Brown Skin Girl” ha vinto anche nella categoria dei video musicali, in coppia con la figlia, Blue Ivy Carter, 9 anni, diventata la più giovane vincitrice di sempre. Altra grande protagonista, Taylor Swift, che ha conquistato il premio per l’album dell’anno con “Folklore”, la prima artista donna a ottenere tre vittorie di questo tipo nella sua carriera: si unisce a Frank Sinatra, Stevie Wonder e Paul Simon, in precedenza aveva vinto per “Fearless” nel 2008 e “1989” nel 2014.

Beyoncé (foto Twitter recordingacademy)

Ancora donne protagoniste – come riporta Agi – nelle sezioni più importanti: Billie Eilish quello per il miglior disco, con “Everything I Wanted”. Ha fatto storia anche Megan Thee Stallion, entrata nelle prime posizioni della classifica l’anno scorso, prima rapper donna, dai tempi di Lauryn Hill nel ’99, a vincere il Grammy come nuova artista. Stallion ha trionfato anche nella sezione miglior performance e miglior canzone rap con “Savage”. A Lady Gaga e Ariana Grande il premio per il miglior duo pop. All’artista Dua Lipa quello per il migliore album di canzoni pop. Brano dell’anno è stato votato “I Can’t Breathe” di H.E.R, nome d’arte della giovane cantante americana Gabriella Sarmiento Wilson.una canzone sulle uccisioni della polizia di persone di colore disarmate. L Tra gli uomini, menzione per James Taylor, che ha vinto il Grammy per il miglior album di pop tradizionale, con “American Standard”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Lorusso (Fnsi) ospite in tv con il Cdr della Gazzetta del Mezzogiorno: Accelerare i tempi della procedura fallimentare per riportarla in edicola

Lorusso (Fnsi) ospite in tv con il Cdr della Gazzetta del Mezzogiorno: Accelerare i tempi della procedura fallimentare per riportarla in edicola

Xiaomi supera tutti, Samsung non è più primo marchio di smartphone in Europa

Xiaomi supera tutti, Samsung non è più primo marchio di smartphone in Europa

Federica Pellegrini entra nel Cio: La mia esperienza in favore degli atleti. Futuro al Coni? Un passo alla volta

Federica Pellegrini entra nel Cio: La mia esperienza in favore degli atleti. Futuro al Coni? Un passo alla volta