Editoria, Anes chiede al Governo interventi urgenti per l’editoria professionale esclusa dai ristori e un focus specifico nel Recovery Plan

Associazione Nazionale Editoria di Settore, dopo aver preso atto che il comparto editoriale che l’Associazione rappresenta è stato totalmente ignorato nei precedenti provvedimenti di ristoro, ha trasmesso al Governo una nota di denuncia del grave stato di crisi che il settore dell’editoria specializzata e professionale sta affrontando, con richiesta di urgenti interventi concreti, specifici e mirati. Dopo aver rappresentato la situazione di difficoltà al precedente esecutivo, l’Associazione si è subito attivata – già all’indomani della costituzione del nuovo governo e della nomina del nuovo sottosegretario con delega all’Editoria, Giuseppe Moles – allo scopo di veder considerate le istanze della filiera nell’imminente decreto “Sostegni”, ma anche nella definizione di un focus specifico dedicato al settore nel futuro Recovery Plan.

Ivo Nardella

Ivo Nardella

Come rappresentato da ANES in una lettera inviata al governo, l’emergenza sanitaria ha compromesso gravemente i fatturati degli editori, nonostante il settore abbia potuto operare durante i vari lockdown – continuando peraltro a garantire l’unico mezzo di formazione e informazione per intere categorie professionali – in quanto tali attività traggono notoriamente profitto dagli investimenti pubblicitari delle aziende di cui sono state interrotte le attività, le quali hanno inevitabilmente ridotto o interrotto le proprie uscite.

Come attestano i dati Nielsen, la perdita nell’anno per i periodici in termini di investimenti pubblicitari è stata del -36,6 percento rispetto all’anno precedente nel quale, peraltro, il settore dei periodici già perdeva il -15,3 percento rispetto al 2018. Con Il 2020 che è stato consegnato alla storia come “il peggiore anno degli ultimi 75, confermato da una caduta del PIL dell’8,9 percento”, come dichiarato da Alberto Dal Sasso, AIS managing director di Nielsen.

Ad aggravare tale situazione – prosegue la nota Anes – si è aggiunta la sospensione per mesi di eventi, fiere e congressi, dai quali i media specializzati traggono notoriamente benefici.

Nonostante tale scenario estremamente critico, il precedente Governo non ha intrapreso né considerato alcuna iniziativa specifica a supporto dell’Editoria di Settore, con l’unica eccezione delle misure previste dal Mibaact a sostegno degli editori di pubblicazioni di arte e cultura, che rappresentano però soltanto l’1 percento circa del comparto degli specializzati.

In considerazione del grave quadro economico in cui il comparto versa ed al fine di scongiurare la crisi definitiva delle imprese editoriali b2b, professionali e specializzate con il conseguente immaginabile danno economico e occupazionale, l’Associazione ha chiesto con urgenza una serie di interventi – per i quali sta attendendo riscontro dagli interlocutori politici ai quali si è rivolta – che auspica siano considerati in fase di conversione della Legge di Bilancio e/o in eventuali ulteriori provvedimenti di ristoro.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Maccanico lascia Sky per guidare il progetto della nuova Cinecittà presieduta da Chiara Sbarigia

Maccanico lascia Sky per guidare il progetto della nuova Cinecittà presieduta da Chiara Sbarigia

<strong> Venerdì 16 e Sabato 17 aprile </strong> Pio e Amedeo battono Serena Rossi. De Filippi stacca Gioè (r)

Venerdì 16 e Sabato 17 aprile Pio e Amedeo battono Serena Rossi. De Filippi stacca Gioè (r)

“La pandemia non è un gioco della comunicazione con cui accaparrarsi i voti”, dice il ministro Patuanelli

“La pandemia non è un gioco della comunicazione con cui accaparrarsi i voti”, dice il ministro Patuanelli