Calcio e diritti tv. Ancora una fumata grigia all’assemblea Lega Serie A. Tutto rimandato a settimana prossima

Si è conclusa l’Assemblea della Lega svolta in video conferenza con tutte le venti società presenti. Ancora una volta non sono stati assegnati i diritti tv del massimo campionato per il triennio 2021-2024. I club si rivedranno la prossima settimana.

Un nuovo incontro è quindi in vista tra la Serie A e i fondi di private equity per l’operazione Media Company. Nei prossimi giorni infatti la commissione dei club, insieme all’ad De Siervo, incontrerà la cordata formata da CVC, Advent e FSI “per negoziare l’ultima migliore proposta da sottoporre all’attenzione delle Società”, si legge in una nota della Lega dopo l’odierna assemblea.

Una riunione che si è aperta “con un ricordo di Marco Bogarelli, manager di assoluto spessore legato da tanti anni al mondo della Serie A”. Sul tema diritti tv, i club dopo il voto sulle offerte (10 a favore di Dazn e 10 astenuti) che non ha portato all’assegnazione. proseguiranno sulle valutazioni “in una nuova Assemblea, prevista per la prossima settimana”.

Infine, sui diritti tv internazionali l’ad De Siervo proseguirà le trattative con gli offerenti “affiancato da un’apposita Commissione”, conclude la Lega.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Giornalismo e querele. Le opinioni di Ranucci (colpiti i non omologati); Porro e Giordano (inchieste sempre più difficili), scontro Sansonetti-Odg

Giornalismo e querele. Le opinioni di Ranucci (colpiti i non omologati); Porro e Giordano (inchieste sempre più difficili), scontro Sansonetti-Odg

Mediaset: Nessuna apertura dell’ultima ora su Vivendi, ma ok a soluzioni positive per tutti

Mediaset: Nessuna apertura dell’ultima ora su Vivendi, ma ok a soluzioni positive per tutti

Ferrari, ok al bilancio. Elkann confermato presidente: Progressi verso short list per nuovo ceo, primo modello tutto elettrico nel 2025

Ferrari, ok al bilancio. Elkann confermato presidente: Progressi verso short list per nuovo ceo, primo modello tutto elettrico nel 2025