Governo d’accordo su rete unica. Giorgetti: sono contro i monopoli, no politiche predatorie su nostra tecnologia

“Il governo italiano non è contrario al progetto di rete unica è contrario ai ritardi sul progetto”. Lo ha detto il Ministro dello Sviluppo economico, Giancarlo Giorgetti, al termine dell’incontro col Ministro francese dell’economia, delle finanze e del rilancio, Bruno Le Maire.

“Non è accettabile – dice Giorgetti, come riporta Ansa – che ci sono ragazzi che non possono accedere all’istruzione perché qualcuno non ha portato la fibra a casa loro”.

“Siamo in clamoroso ritardo rispetto a quelli che erano gli obiettivi, portare la rete altissima velocità a tutti i cittadini e alle imprese italiane. Il progetto societario di rete unica ha avuto dei ritardi, se va in porto rapidamente e offre risposte efficienti a queste esigenze è sicuramente una cosa accettabile ma se
invece è qualche cosa che ostacola, rallenta o impedisce il raggiungimento di questi obiettivi diventa un problema. Quindi è semplicemente un mezzo per arrivare ad un obiettivo. Non c’è un’opzione negativa o positiva a priori”, ha spigato il ministro.

“Se in questo momento ci sono dei ragazzi italiani che non possono fare didattica a distanza perché non hanno la rete, per me è un problema, un problema molto serio”, ha detto ancora il ministro Giorgetti. “Nel momento in cui nel piano Next Generation mettiamo diversi miliardi di euro che l’Europa ci dà e ci chiede sicurezza in merito ai tempi e le possibilità di implementazione, pena il definanziamento, noi dobbiamo essere sicuri che quei soldi che chiediamo li spendiamo bene, in fretta e raggiungiamo, quello che ribadisco, un obiettivo di cittadinanza. A noi interessa il risultato. All’interno del governo siamo tutti impegnati a raggiungere questo obiettivo, non c’è una politica contro qualcosa o qualcuno”, ha sottolineato, concludendo: “Spero di aver fatto chiarezza definitiva su questa vicenda”.

Giancarlo Giorgetti (Foto Ansa/ANGELO CARCONI)

E ha aggiunto al termine dell’incontro col ministro francese dell’economia: “La rinascita economica sarà la prima cosa da assicurare dopo la soluzione del problema sanitario. Si è discusso dei grandi progetti di importanza europei collegati all’idrogeno. La nostra industria non può essere oggetto di politiche predatorie rispetto alla tecnologia di cui disponiamo”.

“Io sono contro i monopoli. Non portano né efficienza né convenienza per i consumatori. Quindi i monopoli non vanno bene. Non vanno bene se sono privati, potrebbero andare bene se sono pubblici se c’è parità di accesso e di concorrenza per tutti i soggetti”. ha inoltre affermato Giorgetti al termine dell’incontro  rispondendo a una domanda sula rete unica. “Credo che la politica industriale italiana deve avere una posizione chiara”, aggiunge Giorgetti.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Maccanico lascia Sky per guidare il progetto della nuova Cinecittà presieduta da Chiara Sbarigia

Maccanico lascia Sky per guidare il progetto della nuova Cinecittà presieduta da Chiara Sbarigia

<strong> Venerdì 16 e Sabato 17 aprile </strong> Pio e Amedeo battono Serena Rossi. De Filippi stacca Gioè (r)

Venerdì 16 e Sabato 17 aprile Pio e Amedeo battono Serena Rossi. De Filippi stacca Gioè (r)

“La pandemia non è un gioco della comunicazione con cui accaparrarsi i voti”, dice il ministro Patuanelli

“La pandemia non è un gioco della comunicazione con cui accaparrarsi i voti”, dice il ministro Patuanelli