Moles: al sistema editoriale servono nuove regole per evitare storture; il nuovo esecutivo deve stanziare risorse per il comparto

“Sono un liberale e sono convinto che l’editoria, la comunicazione e la buona e corretta informazione siano i pilastri di una vera democrazia liberale. Questo significa che debbono essere tutelate, agevolate e supportate anche all’interno del libero mercato”.

Giuseppe Moles

Così Giuseppe Moles, sottosegretario all’Editoria, in una intervista a Libero. “Il mutamento del sistema editoriale, della comunicazione e dell’informazione, è un processo irreversibile, ma necessita di una serie di regole”, dice Moles. “Non regole di tipo statalista, ma capaci, invece, di porre rimedio a storture e posizioni dominanti che alterano il sistema ed il mercato, tanto da determinare differenze eccessive anche tra diversi Paesi. Il mio primo compito istituzionale è quello di accompagnare la transizione dell’intero comparto editoriale verso nuovi scenari, senza penalizzare i lavoratori del settore, perché l’editoria non è solo informazione e comunicazione, è anche posti di lavoro. A maggior ragione in un momento come questo, nessuna azienda deve rimanere indietro: penalizzarne alcune, siano le testate locali o quelle diocesane o Radio Radicale, significa colpire il pluralismo. Ho molto apprezzato l’appello col quale si chiede al governo che il Piano di ripresa e resilienza aumenti i fondi a disposizione dell’editoria e il fatto che sia bipartisan. Significa che tutte le forze politiche sono consapevoli di quanto sia importante questo settore. Conferma che un esecutivo di unità nazionale non può prescindere dallo stanziare risorse a sostegno dell’intero comparto dell’editoria e della comunicazione”.

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Giornalismo e querele. Le opinioni di Ranucci (colpiti i non omologati); Porro e Giordano (inchieste sempre più difficili), scontro Sansonetti-Odg

Giornalismo e querele. Le opinioni di Ranucci (colpiti i non omologati); Porro e Giordano (inchieste sempre più difficili), scontro Sansonetti-Odg

Mediaset: Nessuna apertura dell’ultima ora su Vivendi, ma ok a soluzioni positive per tutti

Mediaset: Nessuna apertura dell’ultima ora su Vivendi, ma ok a soluzioni positive per tutti

Ferrari, ok al bilancio. Elkann confermato presidente: Progressi verso short list per nuovo ceo, primo modello tutto elettrico nel 2025

Ferrari, ok al bilancio. Elkann confermato presidente: Progressi verso short list per nuovo ceo, primo modello tutto elettrico nel 2025