Quotidiano.net cambia testata in Quotidiano Nazionale. Monrif accelera l’armonizzazione tra carta e digitale e l’integrazione tra mezzi

Da domani 24 marzo il sito quotidiano.net cambia la sua testata in Quotidiano Nazionale. Un cambiamento importante per il primo sito del gruppo Monrif che va nella direzione di una maggiore integrazione dell’offerta editoriale digitale con quella del quotidiano cartaceo.

Il nuovo logo di Quotidiano Nazionale, spiega una nota Monrif, è sviluppato in collaborazione con lo Studio Grafico Tomo Tomo di Milano e resta profondamente legato alla tradizione del giornale ma presenta elementi di modernità e innovazione. Nella sua versione digitale, infatti, è più leggero e fruibile, abbandonando definitivamente il rosso della testata quotidiano.net per virare sui toni dell’azzurro in linea con tutta la famiglia dei loghi del gruppo. Il nuovo logo rappresenterà la nuova immagine di QN non soltanto sui sito ma anche sulle pagine Facebook, Instagram e sul canale YouTube.

Michele Brambilla

“Da sempre cerchiamo di capire che cosa si aspetta di nuovo da noi il nostro lettore: e tanto più dobbiamo essere pronti a farlo oggi, in questo periodo di grandi cambiamenti sempre più veloci”, dice Michele Brambilla, Direttore QN Quotidiano Nazionale e il Resto del Carlino.

Elementi di novità saranno visibili anche sulle testate de il Resto del Carlino, La Nazione e Il Giorno, con l’obiettivo di comunicare alle audience l’appartenenza ad unico gruppo editoriale e di guidare il lettore digitale attraverso la navigazione cross-testata, che diventerà una strategia sempre più importante nella crescita di user e pagine viste.

Un cambiamento grafico, quindi, ma anche progettuale: il primo tassello di una strategia che vede la Media Company trasformarsi, con una sempre maggiore integrazione tra carta e digitale, per armonizzarsi e raggiungere una nuova digital identity. Tutte le testate del gruppo trovano unità in un unico scopo: consolidare la propria audience e conquistare nuovi lettori con una grafica attrattiva e un linguaggio divulgativo in grado di comunicare con tutti.

“Armonizzare la digital identity di tutti i siti del gruppo è un passaggio importante per presentarci ai nostri lettori come una moderna Media Company, in grado di presidiare con autorevolezza e profondità sia l’informazione locale, sia la più ampia informazione nazionale. – aggiunge Michela Colamussi, Director of Transition to Digital and Innovation Monrif – I lettori delle nostre testate, attualmente 27,8 milioni di utenti unici mensili, trovano sui nostri siti la più ampia offerta informativa digitale dall’Italia, dal mondo e dai territori: ritrovano un legame identitario che ha radici nella storia delle testate cartacee e si proietta verso nuovi modelli di fruizione delle news sulle piattaforme digitali.”

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Intervista a Giacomo Lasorella, il presidente di Agcom spiega la ratio e il senso del riassetto organizzativo varato ieri dal Consiglio dell’Autorità

Intervista a Giacomo Lasorella, il presidente di Agcom spiega la ratio e il senso del riassetto organizzativo varato ieri dal Consiglio dell’Autorità

G20 della Cultura a Roma, Franceschini: Cultura mezzo formidabile di dialogo tra popoli

G20 della Cultura a Roma, Franceschini: Cultura mezzo formidabile di dialogo tra popoli

Levi rieletto presidente Aie: La lettura è un’emergenza nazionale. Bene le vendite online ma il mercato sia equo e aperto

Levi rieletto presidente Aie: La lettura è un’emergenza nazionale. Bene le vendite online ma il mercato sia equo e aperto