Massimo Sarmi designato presidente di Assotelecomunicazioni-Asstel

Il Consiglio Generale di Assotelecomunicazioni-Asstel, Associazione di categoria che rappresenta la filiera delle telecomunicazioni, ha designato Massimo Sarmi alla Presidenza dell’Associazione per il biennio 2021-2023. Il Consiglio Generale si riunirà nuovamente il prossimo 28 aprile per denominare la squadra. Il Presidente designato e la sua squadra saranno sottoposti al voto dell’Assemblea dell’Associazione che sarà convocata per il 5 maggio 2021.

Massimo Sarmi, amministratore delegato di Poste italiane

Sarmi, nato a Malcesine il 4 agosto 1948, è Presidente di FiberCop e Vicepresidente di Sia. È stato amministratore delegato del Gruppo Poste Italiane da maggio 2002 ad aprile 2014. Da marzo 2013 ad aprile 2014 è stato delegato per la diffusione dei servizi avanzati digitali di Confindustria. Da marzo 2000 a maggio 2002 è stato amministratore delegato e direttore generale di Siemens Italia.

Nel 1995 è stato il primo direttore generale di Tim (Telecom Italia Mobile), la società nata dello scorporo della divisione radiomobile da Telecom; nel 1997, è stato chiamato a ricoprire la carica di direttore generale della capogruppo Telecom Italia. Prima dell’incarico a Presidente di FiberCop è stato da ottobre 2014 a luglio 2016, amministratore delegato della concessionaria autostradale Milano Serravalle – Milano Tangenziali e, da giugno 2015 a luglio 2016 è stato Presidente della concessionaria autostradale Autostrada Pedemontana Lombarda.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

<strong> Venerdì 16 e Sabato 17 aprile </strong> Pio e Amedeo battono Serena Rossi. De Filippi stacca Gioè (r)

Venerdì 16 e Sabato 17 aprile Pio e Amedeo battono Serena Rossi. De Filippi stacca Gioè (r)

“La pandemia non è un gioco della comunicazione con cui accaparrarsi i voti”, dice il ministro Patuanelli

“La pandemia non è un gioco della comunicazione con cui accaparrarsi i voti”, dice il ministro Patuanelli

Il retroscena degli attacchi minacciosi di Juve, Inter, Napoli, Atalanta,Lazio, Verona e Fiorentina al presidente Lega Serie A

Il retroscena degli attacchi minacciosi di Juve, Inter, Napoli, Atalanta,Lazio, Verona e Fiorentina al presidente Lega Serie A