In Cina scatta l’offensiva dei media contro le aziende occidentali come rappreseglia della sanzione per violazioni dei diritti umani

E’ scattata l’offensiva dei media ufficiali cinesi contro le aziende occidentali, con un appello al boicottaggio giorni dopo che l’Unione Europea ha deciso di sanzionare per violazioni dei diritti umani quattro dirigenti della Repubblica Popolare coinvolti nelle detenzioni di massa di uiguri nella provincia dello Xinjiang e lo Xinjiang Production and Construction Corps Public Security Bureau. Dalle sanzioni, le prime critiche contro aziende occidentali sono arrivate ieri dalla Cctv, secondo la quale i cinesi avrebbero “boicottato le aziende indisciplinate”, con un riferimento a H&M, che lo scorso anno ha annunciato che avrebbe fermato l’acquisto di cotone dallo Xinjiang.

(Foto Ansa – Photo by Anthony WALLACE / AFP)

E oggi marchi come Adidas, Nike e New Balance sono stati accusati di “affermazioni dure” riguardo lo Xinjiang dal Global Times, voce all’estero del governo di Pechino. Nel mirino anche Burberry e Zara. Pechino ha già protestato con forza per le sanzioni dei 27, che si sono mossi in accordo con Stati Uniti, Canada e Regno Unito e subito è scattata la rappresaglia con sanzioni contro le stesse istituzioni dell’Ue, parlamentari e think tank europei.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

#TOKYO2020, i migliori video di Eurosport – 4 agosto

#TOKYO2020, i migliori video di Eurosport – 4 agosto

Xiaomi supera tutti, Samsung non è più primo marchio di smartphone in Europa

Xiaomi supera tutti, Samsung non è più primo marchio di smartphone in Europa

Federica Pellegrini entra nel Cio: La mia esperienza in favore degli atleti. Futuro al Coni? Un passo alla volta

Federica Pellegrini entra nel Cio: La mia esperienza in favore degli atleti. Futuro al Coni? Un passo alla volta