La mamma vende i giornali mentre il figlio segue le lezioni in Dad in edicola. Tra le riviste spunta un cartello: Silenzio, sono a scuola

Dal tablet appoggiato al bancone dell’edicola una maestra spiega. Accanto al bimbo in Dad c’è la sua mamma, che vende giornali e riviste ai clienti. Fuori un cartello con un disegno e un avviso: “Silenzio, sono a scuola”.

Così da qualche settimana segue le lezioni a distanza un alunno di prima elementare di Forlì. “Per noi è stata l’unica soluzione possibile”, ha raccontato la madre all’edizione locale del Resto del Carlino.

“Il papà fa il magazziniere e la mattina è sempre impegnato – spiega – Anche l’eventualità di lasciare il bimbo a casa dei nonni non poteva funzionare perché a volte succede che sopravvenga qualche problema tecnico e risolverlo non è facile nemmeno per me, figuriamoci per persone over 80: non potrebbero far altro che entrare e uscire dal programma e spesso non è sufficiente”.

Così – come riporta Ansa – il retro dell’edicola si è trasformato in una piccola aula. “Ho oscurato il vetro con qualche manifestino – aggiunge la mamma – se no si distraeva a guardare i clienti che entravano, poi abbiamo predisposto un panchetto comodo e alla porta abbiamo attaccato un cartello, tutto colorato da Edoardo, con su scritto ‘Silenzio, sono a scuola’, così chi arriva sa che non deve fare troppo rumore. I clienti, in realtà, sono molto incuriositi, quasi tutti danno una sbirciatina per vederlo impegnato con la lezione”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Maccanico lascia Sky per guidare il progetto della nuova Cinecittà presieduta da Chiara Sbarigia

Maccanico lascia Sky per guidare il progetto della nuova Cinecittà presieduta da Chiara Sbarigia

<strong> Venerdì 16 e Sabato 17 aprile </strong> Pio e Amedeo battono Serena Rossi. De Filippi stacca Gioè (r)

Venerdì 16 e Sabato 17 aprile Pio e Amedeo battono Serena Rossi. De Filippi stacca Gioè (r)

“La pandemia non è un gioco della comunicazione con cui accaparrarsi i voti”, dice il ministro Patuanelli

“La pandemia non è un gioco della comunicazione con cui accaparrarsi i voti”, dice il ministro Patuanelli