Di Trapani (Usigrai): Bene l’ok del Cda Rai al regolamento per l’elezione del consigliere dei dipendenti. Ora l’avviso entro il 31 marzo

“Bene l’approvazione da parte del cda del regolamento per l’elezione del consigliere da parte dei dipendenti. Ora l’ad pubblichi l’avviso entro il 31 marzo, per allinearsi con i tempi di Senato e Camera”. Lo dice all’ANSA Vittorio di Trapani, segretario dell’Usigrai, all’indomani del via libera in consiglio di amministrazione del testo per l’elezione del rappresentante dei dipendenti in vista del rinnovo dell’organismo, con le tempistiche già delineate dalle presidenze delle Camere, che hanno fissato appunto per il 31 marzo la pubblicazione dei bandi per l’elezione dei quattro
membri di loro spettanza.

Vittorio di Trapani, segretario dell’Usigrai (Foto: Ansa/Fabio Campana)

“Se così non fosse – argomenta di Trapani – nei fatti determinerebbe una incomprensibile proroga di fatto dell’attuale cda. In sostanza, ci troveremmo a inizio giugno con Parlamento e governo in condizioni di nominare i consiglieri di loro pertinenza, ma il nuovo cda non si potrebbe insediare fino all’elezione del consigliere dei dipendenti. Nei fatti – conclude il segretario dell’Usigrai – un blocco di fatto dell’azienda e una autoproroga da parte del vertice scaduto”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Intervista a Giacomo Lasorella, il presidente di Agcom spiega la ratio e il senso del riassetto organizzativo varato ieri dal Consiglio dell’Autorità

Intervista a Giacomo Lasorella, il presidente di Agcom spiega la ratio e il senso del riassetto organizzativo varato ieri dal Consiglio dell’Autorità

G20 della Cultura a Roma, Franceschini: Cultura mezzo formidabile di dialogo tra popoli

G20 della Cultura a Roma, Franceschini: Cultura mezzo formidabile di dialogo tra popoli

Levi rieletto presidente Aie: La lettura è un’emergenza nazionale. Bene le vendite online ma il mercato sia equo e aperto

Levi rieletto presidente Aie: La lettura è un’emergenza nazionale. Bene le vendite online ma il mercato sia equo e aperto